20 MAGGIO 2024

15:11

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

539 visualizzazioni


20 MAGGIO 2024 - 15:11


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

539 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Erosione costiera, allarme dei geologi, “cambiare modello turistico” | VIDEO

Un anno fa l’alluvione in Romagna che, tra i suoi effetti, ha accentuato l’erosione costiera. Un fenomeno su cui l’ordine regionale dei geologi lancia l’allarme chiedendo alla politica di occuparsene.

 

Sono sempre più frequenti le inondazioni marine dovute a mareggiate, e lo saranno sempre di più a causa del riscaldamento globale che provoca l’innalzamento marino di 1,5 mm all’anno, con punte di 3 negli ultimi anni. A questo si associa la subsidenza di 1-2 cm l’anno. E così la spiaggia scompare.

“Attualmente il 57% del litorale è protetto da opere di difesa, particolarmente concentrate in provincia di Rimini e Forlì-Cesena – spiega Paride Antolini, presidente dell’Ordine dei Geologi dell’Emilia–Romagna -, e sempre più frequentemente si devono affrontare e gestire criticità dovute alle mareggiate che tendono a provocare inondazioni marine su un territorio piatto, quasi a livello del mare se non al disotto. In uno scenario di cambiamento climatico in cui si registra un innalzamento medio del livello del mare di circa 1,5 mm all’anno con punte di oltre 3 mm negli ultimi anni, associato ad una subsidenza di 1-2 cm all’anno, è chiaro che le criticità a cui andremo incontro sono estremamente serie. I tratti di litorale in erosione risultano, dai dati del 2018, essere il 18% con una situazione che però è in miglioramento”.

Un fenomeno, quello dell’erosione costiera, che in Emilia-Romagna riguarda il 18% del litorale e che senza il ripascimento riguarderebbe il 30% della costa.

“In Emilia-Romagna esiste un territorio posto tra la pianura alluvionale e il mare formato da circa 130 km di spiaggia quasi continua, un territorio ampiamente costruito ma che ancora riserva tratti naturali di elevata valenza ecologica – prosegue il geologo -. Negli ultimi 10.000 anni si è assistito, a scala delle centinaia di anni, ad una alternanza tra periodi con clima freddo a fasi più miti con ripercussioni nella posizione della linea di costa, tanto è vero che 5.000 anni fa, all’alba delle grandi civiltà, la spiaggia era spostata 30 Km nell’entroterra. L’attuale l’erosione, l’ingressione marina e innalzamento del livello del mare, è direttamente collegata alla variazione climatica in atto, così come lo è stata la progradazione del delta del Po dalla metà del XIV secolo alla metà del XIX secolo per oltre 25 km a causa di un maggior apporto solido in un periodo climatico più freddo”.

Entro il 2100 gli scienziati prevedono un innalzamento del mare di 50-70 cm e un abbassamento del suolo sotto il suo livello per un territorio di 12 mila metri quadrati. I bambini di oggi, insomma, rischiano di vedere una Riviera romagnola sommersa.

“L’erosione costiera, l’inondazione marina, la subsidenza, la salinizzazione degli acquiferi e il rischio sismico sono temi che su cui bisogna investire risorse per il loro studio ma anche incominciare a progettare il futuro dell’economia costiera romagnola. In 70 anni, nell’arco di una generazione – ha concluso Antolini - siamo passati dal costruire alberghi in riva al mare all’esigenza di come gestire il costruito, come conciliare questa economia turistica a fronte di cambiamenti che ci costringeranno a delle scelte che forse ancora neppure immaginiamo”.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

FAENZA: Musei in sconto con la FaenzaMuseiCard | VIDEO

Da sabato 15 giugno 2024 sarà attiva a Faenza la FaenzaMuseiCard, un nuovo strumento che invita il pubblico a fruire dell’opportunità di visitare tutti e tre i musei più importanti della città – Palazzo Milzetti Museo Nazionale dell’età neoclassica in Romagna, Pinacoteca Comunale di Faenza, Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza – offrendo una agevolazione sull’acquisto del biglietto di ingresso al secondo e terzo museo visitato. La tessera FaenzaMuseiCard, infatti, verrà consegnata gratuitamente al visitatore nel primo dei tre musei e permetterà di ottenere uno sconto di 2,00 € sul biglietto di ingresso ai due musei successivi. La Card ha una validità di tre giorni dal giorno dell’emissione. L’istituzione della FaenzaMuseiCard deriva da un accordo di valorizzazione tra la Direzione Regionale Musei Nazionali Emilia Romagna del Ministero della Cultura, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Faenza e la Fondazione Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, nell’obiettivo comune di promuovere e rendere sempre più noto al grande pubblico il patrimonio culturale della città, attraverso una collaborazione e valorizzazione reciproca dei tre musei, nell’intento di cogliere l’opportunità della condivisione e allargamento dei rispettivi pubblici. La cultura non può infatti avere confini dettati dalle differenze tra le varie istituzioni: il nostro patrimonio è costituito da una serie di relazioni così strette che vanno assolutamente svelate, nel piacere di condividerle in una prospettiva di inclusione e condivisione con le comunità e i diversi pubblici. Pertanto, tramite l’agevolazione che viene così attivata relativamente al biglietto di ingresso, la Card mira a segnalare in modo evidente, in particolare ai visitatori che vengono in visita dall’esterno, l’importante offerta culturale del territorio a cui appartengono i tre musei, i quali hanno condiviso l’idea di creare in primis tra loro una rete culturale volta alla valorizzazione dell’intera città di Faenza.