26 APRILE 2024

11:32

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

390 visualizzazioni


26 APRILE 2024 - 11:32


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

390 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Assemblea regionale celebra il 25 aprile con l'arte di Onorio Bravi

L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha deciso di celebrare il 25 aprile con le opere dell’artista romagnolo Onorio Bravi. La mostra dal titolo ‘Per non dimentica’ celebra la Resistenza.

 

L'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna celebra il 25 aprile, Festa della Liberazione, con le opere dell'artista romagnolo, Onorio Bravi. Il 24, nella sede di via Aldo Moro a Bologna, ha inaugurato 'Per non dimenticare', personale dell'autore, curata da Sandro Malossini e con il patrocinio dell'Anpi di Ravenna. In scena, quadri di staffette partigiane in bicicletta, tipografi clandestini colorati di rosso, bianco e verde, i colori della bandiera italiana. La trebbiatrice che ricorda una ciminiera a collegare campagna e città nel nome del lavoro, valore su cui si fonda la Repubblica italiana. "Partecipiamo quest'anno alle iniziative per il 25 aprile con una mostra che racconta momenti di vita quotidiana, di sofferenze pubbliche e private, di distruzioni e fucilazioni - osserva la presidente dell'Assemblea Legislativa regionale, Emma Petitti - : sono i temi che l'artista fissa sulla tela con grande padronanza segnica e coloristica", Nato nel 1955 a Portico e San Benedetto, in provincia di Forlì-Cesena, Onorio Bravi vive a a San Zaccaria, nel Ravennate e dopo il diploma all'Accademia di Belle Arti di Ravenna, dagli anni '80 e per un lungo periodo ha curato i progetti e le scenografie di carri allegorici, ricevendo numerose gratifiche e riconoscimenti. Ha esposto, su invito, in numerose rassegne personali, una delle più importanti presso l'Istituto Italiano di Cultura di Atene, all'interno del progetto Tempo Forte "Italia - Grecia 2019". La mostra 'Per non dimenticare' può essere visitata fino al 10 maggio dal lunedì' al venerdì, escluso i festivi nella sede dell'Assemblea Legislativa.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

FAENZA: Musei in sconto con la FaenzaMuseiCard | VIDEO

Da sabato 15 giugno 2024 sarà attiva a Faenza la FaenzaMuseiCard, un nuovo strumento che invita il pubblico a fruire dell’opportunità di visitare tutti e tre i musei più importanti della città – Palazzo Milzetti Museo Nazionale dell’età neoclassica in Romagna, Pinacoteca Comunale di Faenza, Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza – offrendo una agevolazione sull’acquisto del biglietto di ingresso al secondo e terzo museo visitato. La tessera FaenzaMuseiCard, infatti, verrà consegnata gratuitamente al visitatore nel primo dei tre musei e permetterà di ottenere uno sconto di 2,00 € sul biglietto di ingresso ai due musei successivi. La Card ha una validità di tre giorni dal giorno dell’emissione. L’istituzione della FaenzaMuseiCard deriva da un accordo di valorizzazione tra la Direzione Regionale Musei Nazionali Emilia Romagna del Ministero della Cultura, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Faenza e la Fondazione Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, nell’obiettivo comune di promuovere e rendere sempre più noto al grande pubblico il patrimonio culturale della città, attraverso una collaborazione e valorizzazione reciproca dei tre musei, nell’intento di cogliere l’opportunità della condivisione e allargamento dei rispettivi pubblici. La cultura non può infatti avere confini dettati dalle differenze tra le varie istituzioni: il nostro patrimonio è costituito da una serie di relazioni così strette che vanno assolutamente svelate, nel piacere di condividerle in una prospettiva di inclusione e condivisione con le comunità e i diversi pubblici. Pertanto, tramite l’agevolazione che viene così attivata relativamente al biglietto di ingresso, la Card mira a segnalare in modo evidente, in particolare ai visitatori che vengono in visita dall’esterno, l’importante offerta culturale del territorio a cui appartengono i tre musei, i quali hanno condiviso l’idea di creare in primis tra loro una rete culturale volta alla valorizzazione dell’intera città di Faenza.