22 APRILE 2024

12:06

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

303 visualizzazioni


22 APRILE 2024 - 12:06


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

303 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Indagine CGIA, vuoti occupazionali nel ricettivo e agroalimentare | VIDEO

A creare problemi ai datori di lavoro in cerca di personale non c’è solo la mancanza di figure qualificate, un altro aspetto con cui si deve fare i conti è il tema demografico. In Italia si calcola che nei prossimi 10 anni la popolazione in età lavorativa è destinata a diminuire dell’8,1%.

A dirlo è l’Ufficio studi della Cgia ( Ufficio Studi Associazione artigiani e piccole imprese) di Mestre nell’indagine diffusa in questi giorni che pone sotto osservazione le 107 province italiane.

L’Emilia Romagna è la regione che ne esce meglio quella in cui si registra la minore diminuzione di popolazione di età lavorativa, il 2,55%.

Ravenna è al 21esimo posto della classifica di chi perde meno forza lavoro, Rimini 13esima e Forlì-Cesena decima. Bologna è terza con un calo dell’1,08%.

L’Emilia-Romagna se da un lato ha un impatto minore rispetto ad altri ter-ritori del Paese, dall’altro dovrà però fronteggiare i vuoti occupazionali che lo studio prevede siano maggiori nel settore agroalimentare e in quello ricettivo.

Sempre più aziende inoltre potrebbero essere costrette a ridimensionarsi per mancanza di persone da assumere, si stimano 25mila lavoratori in meno.

L’indagine è pessimista, ma è chiaro che da qualche parte bisogna mettere mano per migliorare questi scenari.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ