18 APRILE 2024

10:45

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

431 visualizzazioni


18 APRILE 2024 - 10:45


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

431 visualizzazioni



RAVENNA: Iniziata la demolizione della seconda Torre Hamon | VIDEO

Prosegue, nonostante le proteste, la demolizione delle torri Hamon a Ravenna. Ieri sono partiti i lavori per la distruzione della seconda torre.

Meno di un mese. Tanto è passato tra l’annuncio della demolizione e l’effettiva distruzione delle Torri Hamon, che da mercoledì non sono ormai più, a tutti gli effetti, parte del paesaggio della darsena di Ravenna. La notizia della volontà di Eni di voler radere al suolo i due colossi di cemento era stata data dal Comune il 27 marzo, suscitando immediatamente le proteste di cittadini e associazioni che vedevano nelle due torri un patrimonio storico e paesaggistico della città: il simbolo della crescita industriale degli anni ’50. Ciononostante pochi giorni dopo, il 2 aprile, le gru avevano iniziato ad attaccare la prima torre, smontandola pezzo per pezzo.

A quel punto le voci contrarie sono aumentate. Italia Nostra ha organizzato due manifestazioni, una di queste assieme alla nipote di Michelangelo Antonioni, il regista che aveva immortalato le torri nel suo film “Il deserto rosso”. Si è poi unita l’Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale, che ha scritto una lettera al Ministro alla Cultura Sangiuliano: “La perdita di tali architetture che sono dei veri e propri monumenti del costruito industriale, rappresenta un grave danno per il patrimonio culturale” si legge nel testo inviato a Roma. Un appello lanciato anche in consiglio comunale martedì dal consigliere Ancisi della Lista per Ravenna. Tutte preghiere cadute nel vuoto.

Martedì il grosso braccio meccanico della gru ha iniziato a demolire anche la seconda torre della quale, tra pochi giorni, non resterà più traccia. Al loro posto, ha spiegato Eni, che pochi mesi fa ha venduto l’area all’Autorità Portuale, nascerà un parco per il fotovoltaico.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: L’ex Fico cambia volto, dal 5 settembre arriva Grand Tour Italia | VIDEO

Sorgerà a Bologna Grand Tour Italia, un nuovo progetto dedicato al cibo: un percorso di 50mila metri quadrati, nella ex sede di Fico, dove i turisti avranno l’opportunità di gustare tutti i cibi della tradizione italiana, all’insegna della biodiversità. Fico cambia volto: l’ex parco di Bologna dedicato al cibo apre i battenti sotto un’altra veste, Grand Tour Italia. Il progetto, che aprirà al pubblico il 5 settembre, vedrà uno spazio dedicato per ogni singola regione italiana: un viaggio nella biodiversità attraverso cibo, arte, tradizioni e intrattenimento. Un cambio radicale voluto dall’imprenditore Oscar Farinetti, per rilanciare l’area e tutelare i lavoratori. Fiducia nel progetto anche da parte di Bologna Welcome e dal CAAB, con l’obiettivo di attrarre ancora più turisti in città. "Grand Tour Italia è molto più di una semplice destinazione turistica," afferma il Fondatore Oscar Farinetti "È un omaggio alla straordinaria diversità e ricchezza culturale del nostro Paese, un invito a esplorare, gustare e vivere l'Italia in tutto il suo splendore. Un percorso di 50.000 metri quadrati che offre ai visitatori l'opportunità di gustare l'Italia come mai prima d'ora. " “Per il Centro AgroAlimentare di Bologna l’iniziativa presentata oggi è importante in primis perché propone un progetto imprenditoriale credibile per valorizzare asset pubblici strategici quali sono le aree CAAB dove sorge Grand Tour Italia. Auspichiamo che la collaborazione tra CAAB e Grand Tour Italia possa esprimere una sinergia per la promozione per le filiere dell’ortofrutta e del fresco che fanno capo al Centro. A partire da Grand Tour Italia e dai suoi attori, lavoreremo a un’alleanza per la buona alimentazione, che promuova la cultura del cibo e la consapevolezza di cittadini e consumatori sul valore del cibo fresco e sull’importanza dell’alimentazione per la salute. Ciò che chiediamo a Grand Tour Italia non è un rapporto di buon vicinato, ma una vera partnership strategica sull’alimentare, una responsabilità condivisa su questi temi” afferma Marco Marcatili, Presidente di CAAB. L'enogastronomia, per la quale il nostro Paese è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, è un asset fondamentale per il turismo" afferma Daniele Ravaglia, Presidente di Fondazione Bologna Welcome "Questo è particolarmente vero per Bologna, con i suoi prodotti d'eccellenza e una tradizione culinaria che risale al Medioevo e che unisce tutto il territorio, dall'Appennino alla Pianura, dal capoluogo all'Imolese. Qui il cibo è da sempre cultura, identità, convivialità, un vero e proprio patrimonio culturale da preservare e divulgare, fra tradizione e innovazione. Siamo certi che una proposta di alta qualità come quella di Grand Tour Italia, che celebra la ricchezza e la varietà della cucina italiana, non potrà che dare lustro alla città, contribuendo ad aumentare ulteriormente l'attrattività della destinazione".