15 APRILE 2024

11:38

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

520 visualizzazioni


15 APRILE 2024 - 11:38


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

520 visualizzazioni



ROMAGNA: Agricoltura senza personale, “Richieste esaurite in 24 ore” | VIDEO

Ammontano a quasi 1 miliardo di euro i danni causati all’agricoltura in Emilia-Romagna dall’alluvione del maggio scorsi. A quasi un anno di distanza il presidente di Confagricoltura Carlo Carli ha fatto il punto sugli aiuti arrivati al settore.

“Fondamentalmente le aziende hanno avuto una parte che è servita proprio per rimanere a galla, ora però c'è una grossa difficoltà da parte dei tecnici nello scaricare le note delle spese e le fatture. Insomma , c’è un attimo di rallentamento”

Così il presidente di Confagricoltura di Forlì-Cesena e Rimini che, alla trasmissione Talk24 è tornato sull’alluvione del maggio scorso e sulle difficoltà del settore a rimettersi in piedi dopo gli allagamenti. 912 milioni di euro la stima dei danni diretti, con 11mila aziende coinvolte. A fronte di questo sono stati stanziati 327 milioni per la ricostruzione e il risarcimento dei danni. Parte di questi sono arrivati a destinazione, altri sono ancora bloccati a causa dei rallentamenti burocratici.

Intanto però il lavoro va avanti. Pochi giorni fa il governo ha organizzato il click day per l’assunzione di stranieri regolari, necessari a fornire manodopera. I numeri a disposizione però si sono rivelati troppo bassi. “Il click-day organizzato 15 giorni fa è stato esaurito in 24 ore e il personale assunto arriverà tra agosto e settembre, quindi troppo tardi per la stagione”

 




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: L’ex Fico cambia volto, dal 5 settembre arriva Grand Tour Italia | VIDEO

Sorgerà a Bologna Grand Tour Italia, un nuovo progetto dedicato al cibo: un percorso di 50mila metri quadrati, nella ex sede di Fico, dove i turisti avranno l’opportunità di gustare tutti i cibi della tradizione italiana, all’insegna della biodiversità. Fico cambia volto: l’ex parco di Bologna dedicato al cibo apre i battenti sotto un’altra veste, Grand Tour Italia. Il progetto, che aprirà al pubblico il 5 settembre, vedrà uno spazio dedicato per ogni singola regione italiana: un viaggio nella biodiversità attraverso cibo, arte, tradizioni e intrattenimento. Un cambio radicale voluto dall’imprenditore Oscar Farinetti, per rilanciare l’area e tutelare i lavoratori. Fiducia nel progetto anche da parte di Bologna Welcome e dal CAAB, con l’obiettivo di attrarre ancora più turisti in città. "Grand Tour Italia è molto più di una semplice destinazione turistica," afferma il Fondatore Oscar Farinetti "È un omaggio alla straordinaria diversità e ricchezza culturale del nostro Paese, un invito a esplorare, gustare e vivere l'Italia in tutto il suo splendore. Un percorso di 50.000 metri quadrati che offre ai visitatori l'opportunità di gustare l'Italia come mai prima d'ora. " “Per il Centro AgroAlimentare di Bologna l’iniziativa presentata oggi è importante in primis perché propone un progetto imprenditoriale credibile per valorizzare asset pubblici strategici quali sono le aree CAAB dove sorge Grand Tour Italia. Auspichiamo che la collaborazione tra CAAB e Grand Tour Italia possa esprimere una sinergia per la promozione per le filiere dell’ortofrutta e del fresco che fanno capo al Centro. A partire da Grand Tour Italia e dai suoi attori, lavoreremo a un’alleanza per la buona alimentazione, che promuova la cultura del cibo e la consapevolezza di cittadini e consumatori sul valore del cibo fresco e sull’importanza dell’alimentazione per la salute. Ciò che chiediamo a Grand Tour Italia non è un rapporto di buon vicinato, ma una vera partnership strategica sull’alimentare, una responsabilità condivisa su questi temi” afferma Marco Marcatili, Presidente di CAAB. L'enogastronomia, per la quale il nostro Paese è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, è un asset fondamentale per il turismo" afferma Daniele Ravaglia, Presidente di Fondazione Bologna Welcome "Questo è particolarmente vero per Bologna, con i suoi prodotti d'eccellenza e una tradizione culinaria che risale al Medioevo e che unisce tutto il territorio, dall'Appennino alla Pianura, dal capoluogo all'Imolese. Qui il cibo è da sempre cultura, identità, convivialità, un vero e proprio patrimonio culturale da preservare e divulgare, fra tradizione e innovazione. Siamo certi che una proposta di alta qualità come quella di Grand Tour Italia, che celebra la ricchezza e la varietà della cucina italiana, non potrà che dare lustro alla città, contribuendo ad aumentare ulteriormente l'attrattività della destinazione".