13 APRILE 2024

07:13

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

378 visualizzazioni


13 APRILE 2024 - 07:13


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

378 visualizzazioni



RIMINI: Metromare, rilevata azienda che produce i bus dopo il fallimento

L’azienda belga Van Hool che produce, fra gli altri, i bus del Metromare di Rimini è fallita, ma è già stata rilevata in tempi record. È previsto, tra l’altro, l’arrivo in città di una seconda tranche di mezzi.

 

Dopo il fallimento dell'importante produttore belga di autobus Van Hool, nota a Rimini per fornire i mezzi elettrici del Metromare, il destino dell'azienda sembrava incerto. E invece si è presto delineato dopo che i curatori fallimentari hanno accettato l’offerta del concorrente olandese VDL e del produttore tedesco di rimorchi Schmitz Cargobull. L’accordo consentirà però di conservare un numero di posti di lavoro che va dai 650 ai 950 rispetto ai 2.500 di Van Hool.

La dichiarazione di fallimento è datata 8 aprile e già due giorni dopo è stata finalizzata l'acquisizione. La scelta degli amministratori a favore dell'offerta delle due aziende straniere è stata motivata dalla necessità di garantire una rapida ripresa delle attività. Ciò che si temeva era la perdita di clienti e dunque di compromettere il futuro aziendale.

Attualmente a Rimini circolano nove bus elettrici prodotti in Belgio, e ne sono in arrivo altri sei che copriranno la tratta fino alla Fiera che dovrà per forza essere completata entro il 2026 dato che è finanziata con il Pnrr.

Pmr, la società che gestisce il Metromare, era in attesa di conoscere il destino della società da cui ha acquistato il parco mezzi e la prossima settimana ci sarà un importante incontro a Rimini con il partner che fornisce il materiale rotabile per discutere proprio della seconda tranche di autobus.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: L’ex Fico cambia volto, dal 5 settembre arriva Grand Tour Italia | VIDEO

Sorgerà a Bologna Grand Tour Italia, un nuovo progetto dedicato al cibo: un percorso di 50mila metri quadrati, nella ex sede di Fico, dove i turisti avranno l’opportunità di gustare tutti i cibi della tradizione italiana, all’insegna della biodiversità. Fico cambia volto: l’ex parco di Bologna dedicato al cibo apre i battenti sotto un’altra veste, Grand Tour Italia. Il progetto, che aprirà al pubblico il 5 settembre, vedrà uno spazio dedicato per ogni singola regione italiana: un viaggio nella biodiversità attraverso cibo, arte, tradizioni e intrattenimento. Un cambio radicale voluto dall’imprenditore Oscar Farinetti, per rilanciare l’area e tutelare i lavoratori. Fiducia nel progetto anche da parte di Bologna Welcome e dal CAAB, con l’obiettivo di attrarre ancora più turisti in città. "Grand Tour Italia è molto più di una semplice destinazione turistica," afferma il Fondatore Oscar Farinetti "È un omaggio alla straordinaria diversità e ricchezza culturale del nostro Paese, un invito a esplorare, gustare e vivere l'Italia in tutto il suo splendore. Un percorso di 50.000 metri quadrati che offre ai visitatori l'opportunità di gustare l'Italia come mai prima d'ora. " “Per il Centro AgroAlimentare di Bologna l’iniziativa presentata oggi è importante in primis perché propone un progetto imprenditoriale credibile per valorizzare asset pubblici strategici quali sono le aree CAAB dove sorge Grand Tour Italia. Auspichiamo che la collaborazione tra CAAB e Grand Tour Italia possa esprimere una sinergia per la promozione per le filiere dell’ortofrutta e del fresco che fanno capo al Centro. A partire da Grand Tour Italia e dai suoi attori, lavoreremo a un’alleanza per la buona alimentazione, che promuova la cultura del cibo e la consapevolezza di cittadini e consumatori sul valore del cibo fresco e sull’importanza dell’alimentazione per la salute. Ciò che chiediamo a Grand Tour Italia non è un rapporto di buon vicinato, ma una vera partnership strategica sull’alimentare, una responsabilità condivisa su questi temi” afferma Marco Marcatili, Presidente di CAAB. L'enogastronomia, per la quale il nostro Paese è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, è un asset fondamentale per il turismo" afferma Daniele Ravaglia, Presidente di Fondazione Bologna Welcome "Questo è particolarmente vero per Bologna, con i suoi prodotti d'eccellenza e una tradizione culinaria che risale al Medioevo e che unisce tutto il territorio, dall'Appennino alla Pianura, dal capoluogo all'Imolese. Qui il cibo è da sempre cultura, identità, convivialità, un vero e proprio patrimonio culturale da preservare e divulgare, fra tradizione e innovazione. Siamo certi che una proposta di alta qualità come quella di Grand Tour Italia, che celebra la ricchezza e la varietà della cucina italiana, non potrà che dare lustro alla città, contribuendo ad aumentare ulteriormente l'attrattività della destinazione".