13 FEBBRAIO 2024

08:55

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

486 visualizzazioni


13 FEBBRAIO 2024 - 08:55


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

486 visualizzazioni



RIMINI: Novarese ancora terra di nessuno, presto una nuova asta | VIDEO

Ancora nulla di fatto a Rimini nella nascita del ‘polo del benessere’ con al centro la riqualificazione della Novarese. L’ex colonia sarà presto oggetto di una nuova asta, e ci sarebbero già diversi imprenditori interessati ad acquistarla.

 

Sotto il cielo della Novarese, l'orizzonte si apre a nuove opportunità. Dopo il tramonto del progetto di riqualificazione di Coopsette, finita in liquidazione, la città di Rimini è pronta a voltare pagina. Dopo aver acquisito la piena proprietà dell'ex colonia di Miramare, nel 2018, il Comune ha intrapreso svariati tentativi per attirare nuovi investitori. Ma nessuno di questi ha portato ai risultati sperati.

Palazzo Garampi – come riporta il Carlino locale -, lancerà presto un nuovo bando, e la buona notizia è che sarebbero già una decina le manifestazioni di interesse giunte agli uffici comunali da imprenditori locali e cordate di aziende. Tra questi anche chi si è impegnato nell’acquisto della vicina colonia Bolognese.

La nuova asta sarà lanciata entro la fine dell'anno, e sono due i possibili assetti: la vendita o la concessione della Novarese con diritto di superficie per un lungo periodo. Il manufatto razionalista, gioiello architettonico del suo tempo, stando alle ultime perizie vale almeno 4 milioni di euro. Ma il bando potrebbe includere la riqualificazione dell’intera area, compreso lo stabile di Riminiterme.

Il vincitore si troverebbe così in mano un’opera dal valore molto più alto e potrebbe mettere in piedi il famigerato ‘polo del benessere’ con tanto di mega-albergo e centro termale. Un’idea che ha oramai diversi anni e che intende riqualificare un segmento periferico di città al momento con poco appeal. In questo senso vanno avanti i confronti con i possibili investitori, con la speranza che sia la volta buona.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

CESENA: Nuovi lavori per ripristinare le strade dopo l'alluvione

Se da un lato proseguono senza interruzione i lavori di ripristino delle vie collinari lesionate dalle frane a causa delle significative precipitazioni piovose del mese di maggio, a partire da mercoledì 28 febbraio i quartieri Centro Urbano e Oltresavio saranno interessati da importanti lavori post-alluvione programmati dall’Amministrazione comunale per mettere in sicurezza le banchine stradali danneggiate da acqua e fango. Si tratta di un intervento che sarà eseguito dalla ditta Fratelli Mazzi Snc di Mazzi Fabio & C. di Cesena, per l’ammontare complessivo di 150 mila euro, e che interesserà le vie Carlo Farini, Savio, Malta, Tunisi, Corsica, Cacciaguerra, nel tratto da via Carlo Farini a via Verghereto, e viale IV novembre. Tutti gli interventi da eseguire consistono in opere di messa in sicurezza dei percorsi pedonali e ciclabili programmati in seguito agli eccezionali eventi di maggio. Al fine di garantire un pieno e sicuro svolgimento dei lavori, dal 28 febbraio, per circa un mese, la viabilità nelle vie elencate subirà alcune temporanee modifiche: saranno infatti istituiti un divieto di sosta con rimozione valido per l’intera giornata e un senso unico alternato con semaforo o movieri. Tutte le modifiche alla circolazione saranno indicate da apposita segnaletica stradale di lavori in corso, direzione e deviazione.