4 GENNAIO 2024

10:53

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

772 visualizzazioni


4 GENNAIO 2024 - 10:53


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

772 visualizzazioni



RIMINI: Al via il restauro del bimillenario Ponte di Tiberio | FOTO

Tornerà presto a splendere il gioiello di Ariminum, uno dei simboli dell’ex colonia romana. Nel 2024 saranno realizzati i lavori di pulitura e valorizzazione del bimillenario Ponte di Tiberio di Rimini oltre alla progettazione del nuovo impianto d’illuminazione a Led.

Nell’ambito dei progetti per la riqualificazione del centro storico della meta balneare, si inserisce dunque anche la riqualificazione dell’importante infrastruttura imperiale. Nei prossimi mesi il ponte sarà oggetto di opere di pulitura e ripristini strutturali per consolidare i materiali lapidei. Un intervento che si ripete dopo circa 20 anni e che ha un valore complessivo di 600 mila euro. Investimento già approvato e stanziato nello scorso bilancio. Rispetto a 20 anni fa, però, il ponte non sarà chiuso al traffico dato che è stato di recente pedonalizzato.

La progettazione della nuova illuminazione è stata affidata alla società Light Company di Firenze. Prevista un’illuminazione omogenea che intende emulare il percorso diurno della luce naturale utilizzando gli stessi toni del bianco che vengono emessi dal sole e la stessa inclinazione delle ombre. I progetti dovranno essere sottoposti all'autorizzazione della Soprintendenza.

“L’obiettivo”, spiega l’assessore comunale ai Lavori pubblici Mattia Morolli, “è quello di proseguire nel percorso di valorizzazione del nostro patrimonio storico e culturale, esaltando i pregi architettonici del ponte, iniziato nel 14 d.C. sotto Ottaviano Augusto e completato nel 21 d.C. con Tiberio”.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: De Pascale, "Aumentare i rimborsi per gli alluvionati"

Modificare in Aula il decreto legge che fissa in 6mila euro di indennizzo il massimale per l'indennizzo per i beni mobili distrutti o danneggiati dall'alluvione in Emilia-Romagna. Il sindaco e presidente della provincia di Ravenna Michele de Pascale ha scritto un appello alle senatrici e ai senatori emiliano-romagnoli perché presentino un emendamento al Senato, dove il decreto è incardinato. "Le cifre stabilite per l'indennizzo dei beni mobili danneggiati dall'alluvione (3.200 euro per il vano adibito a cucina" e "ulteriori 700 euro per ciascuno degli altri vani, fino ad un importo massimo complessivo di 6.000 euro) - scrive - sono assolutamente insufficienti per risarcire gli enormi danni provocati dagli eventi alluvionali che in molti casi hanno distrutto l'intero mobilio dell'abitazione, elettrodomestici inclusi. Vi chiedo di proporre la correzione della norma portando ad aumentare il massimale ad una cifra verosimile, che tenga conto della reale situazione in cui si trovano tante famiglie; dalle informazioni che ho raccolto in questi mesi i danni ai beni mobili arriverebbero in diversi casi vicino ai 30.000 euro".