4 SETTEMBRE 2023

09:09

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1156 visualizzazioni


4 SETTEMBRE 2023 - 09:09


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1156 visualizzazioni



CESENA: In centro storico torna la “Giostra all'Incontro”, le contrade la novità | VIDEO

Dame e cavalieri tornano a popolare il centro storico di Cesena. Si rinnova a Cesena, città del Savio e dei Malatesta, il cavalleresco appuntamento con la Giostra all’incontro, un’immancabile tappa dell’estate cesenate che rientra nel cartellone estivo di eventi. Rivalità, glorie, costumi e artifizi tipici del ‘4-‘500 rivivranno ancora una volta nella storica e suggestiva cornice di piazza del Popolo, all’ombra della Rocca Malatestiana, nella giornata di domenica 10 settembre. Dopo il ritorno della manifestazione in Piazza del Popolo, la novità di quest’anno è la partecipazione diretta delle Contrade/Quartieri cittadini alla Giostra. La giostra è un evento unico al mondo per importanza culturale, storica e spettacolare: solo a Cesena infatti la Giostra all’Incontro era istituzionalizzata e si svolgeva annualmente in forza di un riconoscimento ufficiale, fu concessa in Privilegio speciale e perpetuo alla città nel 1465 da Papa Paolo II e proseguì in modo sostanzialmente ininterrotto fino al 1838, ultima al mondo. La stabilizzazione in Piazza del Popolo e il ritorno delle Contrade completano un percorso avviato dall’Amministrazione comunale e dall’Associazione Giostra di Cesena da qualche anno con un successo sempre crescente.

Allestimento della Piazza

Il Comune di Cesena e l’Associazione Giostra di Cesena si sono sempre proposti di organizzare tutto nel rigoroso rispetto delle norme di sicurezza e solo in quanto non emergano ragioni ostative. L’allestimento ricalcherà esattamente quello del 2022: la Piazza verrà divisa in due settori nel pomeriggio di sabato 9 settembre al termine del mercato settimanale. La giostra si terrà nella parte antistante il Palazzo comunale e la Rocchetta di Piazza. Il pubblico invece troverà posto nella parte della piazza opposta al Palazzo comunale e sarà separato dal campo di gara mediante una doppia fila di transenne e una protezione di balle di paglia. L’accesso da Piazzetta Cesenati del 1377 (lato Anagrafe) sarà chiuso al pubblico mentre la fontana Masini godrà di apposita protezione mediante transennatura. La sicurezza sarà costantemente assicurata sia dai volontari dell’Associazione Giostra di Cesena che da steward e personale antincendio. La manifestazione sarà patrocinata da Fitetrec Ante e la giostra realizzata dall’ASD Cavalieri del re nero. Sarà data comunicazione all’ASL veterinaria di Cesena e la manifestazione sottoposta alla loro autorizzazione e controllo.

Il ritorno delle Contrade

La novità di quest’anno è il ritorno della antiche Contrade quattrocentesche, rappresentate e associate ad ognuno dei moderni quartieri secondo il seguente elenco: Centro Urbano – Croce di Marmo, Fiorenzuola – Murata, Oltresavio – Talamello, Cesuola – San Giovanni, Rubicone – San Severo, Vallesavio - Chiesanuova, Borello – Porta Ravegnana, Ravennate – Trova, Dismano – Trova, Cervese Sud – Strada dentro, Cervese Nord – San Ze-none, Al Mare – Strada fuori. Ai quartieri è stato proposto di dotarsi di proprio Stemma, che sarà affisso al Palazzo comunale, di sfilare con proprio alfiere nel corteo storico e di partecipare alla giostra col proprio cavaliere. Se il numero dei cavalieri non sarà sufficiente a coprire il numero dei quartieri, i partecipanti alla Giostra saranno sorteggiati (la settimana precedente la giostra), mentre quelli esclusi parteciperanno di diritto alla Giostra del 2024. Le Contrade anticamente non avevano dei propri Stemmi (particolarità solo di Siena), per cui ogni quartiere ha scelto il suo Stemma sulla base delle proprie caratteristiche territoriali o storiche.

Programma della manifestazione

La Giostra come sempre rappresenta il clou della manifestazione, ma durante tutta la settimana si svolgeranno iniziative: corteo storico, spettacolo teatrale della Bottega del Teatro, mostra storica e fotografica sulla storia della Giostra, visite guidate, conferenze storiche, affissione bandiere e stendardi. Il programma completo verrà comunicato appena completato.

Il Palio di quest’anno sarà realizzato dal pittore cesenate Stefano Natali e sarà presentato la settimana prima della manifestazione.

Anche quest’anno l’evento sarà trasmesso in diretta da Teleromagna domenica 10 settembre a partire dalle ore 16.45.

 




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

SARSINA: Ripartiti gli scavi del Tempio Romano

Gli scavi archeologici nell'area del tempio tripartito di età romana del sito di Sarsina (Forlì-Cesena) possono ripartire a seguito della prima messa in sicurezza del sito, realizzata grazie all'accordo tra l'Istituto centrale per l'Archeologia del Ministero della Cultura, il dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa civile - Comando di Forlì-Cesena, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e il comune di Sarsina. Sono terminate le operazioni di predisposizione dell'area, interessata da rischio idrogeologico. L'intervento, finanziato dall'Istituto centrale per l'Archeologia del Mic, si è reso necessario per garantire il prosieguo delle attività di indagine archeologica, oltre che le future fasi di restauro e valorizzazione del sito. La prima fase delle operazioni ha riguardato la salvaguardia del sito secondo il principio del "minimo intervento". Potranno ora riprendere le indagini sul campo a cura di archeologi professionalmente qualificati diretti dalla Soprintendenza, che curerà anche la divulgazione dei nuovi risultati delle ricerche. L'importante scoperta archeologica - un tempio tripartito riconducibile all'età romana, con adiacenti strutture altomedievali - era stata ufficializzata lo scorso settembre 2023 durante le Giornate europee del patrimonio. Sono stati individuati resti di una struttura quadrangolare di grandi dimensioni che si può ricollegare a un edificio di culto di età romana, datato in via preliminare al I sec. a.C., coevo con la pavimentazione in lastre di pietra arenaria del foro lasciate a vista nella vicina area archeologica pubblica e ritrovate anche alla base delle evidenze strutturali messe in luce. L'eccezionalità di tale rinvenimento consiste anche nel suo stato di conservazione.