3 AGOSTO 2023

15:24

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1182 visualizzazioni


3 AGOSTO 2023 - 15:24


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1182 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Legge per difendere Sanità pubblica, prima Regione a proporla | VIDEO

L'Emilia-Romagna è la prima Regione del Paese a proporre un progetto di legge in difesa della sanità pubblica e universalistica. Il progetto è già stato approvato dalla giunta regionale e farà ora il suo iter in Assemblea legislativa.

Due i punti fondamentali: l'incremento del finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale a cui concorre lo Stato, su base annua dello 0,21% del Pil dal 2023 al 2027, fino a raggiungere una percentuale di finanziamento annuale non inferiore al 7,5%. Questo obiettivo comporta l'aumento del fondo da 128 miliardi di euro (fabbisogno programmato nel 2023) a oltre 149 miliardi. Il secondo punto riguarda il superamento per le Regioni dei vincoli di spesa per il personale degli enti del Servizio sanitario nazionale, oltre al superamento dei limiti del trattamento accessorio, al fine di affrontare meglio il problema della carenza di professionisti del settore. Ogni anno per cinque anni andrebbero quindi reperiti 4 miliardi in più.

Come illustrato nel terzo articolo del progetto di legge, la copertura finanziaria sarà garantita in prima battuta da maggiori risorse che dovessero rendersi disponibili dalla crescita economica e in seconda battuta da risorse derivanti dal contrasto all'evasione ed elusione fiscale e contributiva.

"Abbiamo fatto un lavoro molto meticoloso nell'ambito di una proposta di legge di iniziativa regionale, che noi presenteremo all'Assemblea legislativa - spiega l'assessore alle politiche per la Salute Raffale Donini - e che se approvata come confidiamo, sarà poi all'attenzione del Parlamento italiano. Sarà uno stimolo per il Parlamento, perché la nostra proposta ricalca quello che il ministro della Salute ha detto pubblicamente, ossia che al Fondo sanitario nazionale manchino 4 miliardi di euro per il 2023". Donini ribadisce quindi che se la sanità pubblica "continuerà a essere sottofinanziata, non potrà più continuare ad erogare prestazioni, servizi e assistenza a tutti. Uno scenario a cui non vogliamo neppure pensare, in gioco c'è la difesa di un diritto costituzionale".

Da qui, l'invito a una mobilitazione sociale, popolare anche con una raccolta di firme per sensibilizzare ancora di più il Parlamento e "mi aspetto che nel corso della discussione in commissione in Regione possano essere auditi i parlamentari dell'Emilia-Romagna eletti affinché diano il loro contributo". "Questo governo - insiste - può avere il merito di salvare la sanità nazionale o la responsabilità di affossarla, ne faremo una battaglia politica, istituzionale, sociale, perché la sanità è di tutti - prosegue - Vedremo quali forze politiche prenderanno questa proposta e la faranno propria e chi si sottrarrà a questo impegno, così sapremo chi ha cuore il finanziamento della sanità pubblica e chi no, non si può stare di qua e di là".

L'auspico della giunta è che la proposta di legge venga approvata dall'Assemblea legislativa entro settembre.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: Solidarietà, al Rasi "Insieme, mano nella mano" per l'Oncologia dell'Ospedale | FOTO

Questa sera il teatro Rasi di Ravenna sarà il palcoscenico di ‘Insieme, mano nella mano: scienza, arte, solidarietà’. Evento benefico che coinvolge il pubblico con esperti professionisti e grandi artisti fianco a fianco per sensibilizzare sul tema della lotta contro il cancro. Sul palco saliranno artisti di grande calibro come il soprano pop lirico Federica Balucani e il pianista ravennate Marco Santià. Il programma della serata includerà i cantautori Ludovica Amati e Alessio Creatura e ci saranno numerose performance di danza degli allievi del Ravenna Ballet Studio. L’ospite d’onore della serata sarà Andrea Mingardi, protagonista della musica italiana, bluesman, scrittore e fondatore della Nazionale cantanti. Mingardi, celebre per le sue partecipazioni al Festival di Sanremo e per il memorabile duetto con Mina nella canzone ‘Mogol e Battisti’, sarà affiancato da alcuni componenti della sua band: la grande vocalist Emanuela Cortesi e il celebre tastierista Maurizio Tirelli. Per trattare l’aspetto scientifico interverranno esperti come l’oncologa Chiara Bennati, la psicoterapeuta Cinzia Baccaglini e la dietista Sara Boni, che discuteranno di prevenzione e qualità della vita. Il ricavato della serata sarà destinato all’ammodernamento della sala d’aspetto del reparto di Oncologia dell’Ospedale di Ravenna, per migliorare il comfort dei pazienti e delle loro famiglie. L'evento benefico è promosso da Capit Ravenna in collaborazione con Ravenna Centro Storico Aps, Ravenna Ballet Studio e gode del patrocinio della Regione Emilia Romagna, del Comune di Ravenna, dell’Ausl Romagna e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro – Settentrionale.  Sponsor dell’evento il Consorzio Consar, il Gruppo Sapir, la Compagnia Portuale di Ravenna, Ortopedia Spadoni, Consorzio Solco e Famila, con la collaborazione del "Quotidiano Nazionale - Il Resto del Carlino", "Corriere Romagna", "Risveglio Duemila", Radio Studio Delta e Teleromagna.  Regia di Roberto Vecchi.