8 GIUGNO 2023

17:34

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

871 visualizzazioni


8 GIUGNO 2023 - 17:34


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

871 visualizzazioni



TV: Lavoro ed emergenza dopo l'alluvione, nuova puntata di Talk 24

Un'alluvione che in Emilia-Romagna ha sconvolto non solo il territorio ma anche le prospettive nel mondo del lavoro, colpendo maggiormente artigiani e agricoltori. Per la CGIL è un'emergenza, i primi contributi sono arrivati ma non sono sufficienti. Queste sono le tematiche di cui si parlerà questa sera, alle ore 21:00, a TALK 24, il format di approfondimento condotto da Ludovico Luongo in onda su Teleromagna. Ospiti in studio SILLA BUCCI - Segretaria generale CGIL Cesena; MARIA GIORGINI - Segretaria generale CGIL Forlì; GIULIANO GUIETTI - Presidente IRES Emilia-Romagna; VALERIO VANELLI - funzionario di IRES Emilia-Romagna; VINCENZO COLLA - Assessore delle attività produttive Emilia-Romagna; MASSIMO BUSSANDRI - Segretario generale CGIL Emilia-Romagna; JADER DARDI - Sindaco di Modigliana.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: De Pascale, "Aumentare i rimborsi per gli alluvionati"

Modificare in Aula il decreto legge che fissa in 6mila euro di indennizzo il massimale per l'indennizzo per i beni mobili distrutti o danneggiati dall'alluvione in Emilia-Romagna. Il sindaco e presidente della provincia di Ravenna Michele de Pascale ha scritto un appello alle senatrici e ai senatori emiliano-romagnoli perché presentino un emendamento al Senato, dove il decreto è incardinato. "Le cifre stabilite per l'indennizzo dei beni mobili danneggiati dall'alluvione (3.200 euro per il vano adibito a cucina" e "ulteriori 700 euro per ciascuno degli altri vani, fino ad un importo massimo complessivo di 6.000 euro) - scrive - sono assolutamente insufficienti per risarcire gli enormi danni provocati dagli eventi alluvionali che in molti casi hanno distrutto l'intero mobilio dell'abitazione, elettrodomestici inclusi. Vi chiedo di proporre la correzione della norma portando ad aumentare il massimale ad una cifra verosimile, che tenga conto della reale situazione in cui si trovano tante famiglie; dalle informazioni che ho raccolto in questi mesi i danni ai beni mobili arriverebbero in diversi casi vicino ai 30.000 euro".