28 MARZO 2023

15:59

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1626 visualizzazioni


28 MARZO 2023 - 15:59


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1626 visualizzazioni



BAGNACAVALLO: Aperta la camera ardente per Ivano Marescotti | VIDEO

E’ stata aperta questo pomeriggio la camera ardente per l’ultimo saluto a Ivano Marescotti, tanti si stanno recando in queste ore nella sua città, Bagnacavallo, per rendere omaggio al grande attore romagnolo.

Il feretro al centro della sala, con sopra i fiori e la foto. Dietro, uno schermo nel quale appaiono le sue più celebri interpretazioni, al cinema, in televisione e a teatro. Così è stata allestita la camera ardente che ospita Ivano Marescotti scomparso domenica all’età di 77 anni dopo una lunga malattia. Alle 14 di martedì sono state aperte le porte del convento di San Francesco a Bagnacavallo, che si è da subito riempito con le tante persone venute a rendere omaggio al celebre attore.

E’ una notizia triste che ha stravolto un po’ tutta la nostra comunità – spiega la sindaca Elena Proni - Marescotti ha raccontato la Romagna nel mondo e, probabilmente, essendosi allontanato ha acquisito ancora di più la sua identità romagnola

Un anno fa la decisione di ritirarsi dalle scese per dedicarsi esclusivamente alla sua accademia di teatro. Un’eredità artistica che ora passa alla moglie Erika Leonelli: “Adesso cercherò di trovare qualcuno che possa aiutarci a portare avanti quegli insegnamenti che Ivano aveva, quindi piano piano continuerò in questo suo progetto perché mi piace l’idea che ci sia qualcosa che vive oltre Ivano. Gli insegnamenti che ci ha dato possono continuare ad essere trasmessi

La camera ardente sarà aperta anche mercoledì dalle 10 alle 15. Poi si terrà un commiato e il trasferimento della salma a Ravenna per la cremazione.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: De Pascale, "Aumentare i rimborsi per gli alluvionati"

Modificare in Aula il decreto legge che fissa in 6mila euro di indennizzo il massimale per l'indennizzo per i beni mobili distrutti o danneggiati dall'alluvione in Emilia-Romagna. Il sindaco e presidente della provincia di Ravenna Michele de Pascale ha scritto un appello alle senatrici e ai senatori emiliano-romagnoli perché presentino un emendamento al Senato, dove il decreto è incardinato. "Le cifre stabilite per l'indennizzo dei beni mobili danneggiati dall'alluvione (3.200 euro per il vano adibito a cucina" e "ulteriori 700 euro per ciascuno degli altri vani, fino ad un importo massimo complessivo di 6.000 euro) - scrive - sono assolutamente insufficienti per risarcire gli enormi danni provocati dagli eventi alluvionali che in molti casi hanno distrutto l'intero mobilio dell'abitazione, elettrodomestici inclusi. Vi chiedo di proporre la correzione della norma portando ad aumentare il massimale ad una cifra verosimile, che tenga conto della reale situazione in cui si trovano tante famiglie; dalle informazioni che ho raccolto in questi mesi i danni ai beni mobili arriverebbero in diversi casi vicino ai 30.000 euro".