24 MARZO 2023

16:46

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1093 visualizzazioni


24 MARZO 2023 - 16:46


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1093 visualizzazioni



BOLOGNA: Inaugurazione contestata al Camplus Valverde, il nuovo alloggio per studenti

A Bologna il collettivo Luna ha manifestato contro l’apertura di uno studentato di lusso vista la difficolta di trovare alloggi in città per gli studenti. 

 

Un’inaugurazione contestata quella del Camplus Valverde a Bologna, la residenza di proprietà della curia dedicata a Don Tonino Bello, che porterà 78 nuovi posti letto per gli studenti. La giornata ha dovuto fare i conti con la protesta del collettivo Luna, vista la difficoltà per gli studenti di reperire alloggi in città: non il momento giusto, secondo i manifestanti, anche per i prezzi della struttura, con stanze singole tra gli 800 e gli 850 euro e stanze doppie tra i 600 e i 650 euro. La mattinata ha visto la presenza del Ministro dell’Università Annamaria Bernini che si è fermata a parlare con i manifestanti, prima di entrare nella struttura, dando loro la disponibilità ad incontrarsi la prossima settimana.

All’incontro tra studenti e Ministro parteciperà anche il Presidente della CEI, il Cardinale Matteo Zuppi, presente all’inaugurazione e che ha accolto le proteste degli studenti legate al problema alloggi. L’obiettivo è cercare di fare qualcosa in più per una situazione che rischia di aggravarsi ulteriormente e che ha visto già diversi studenti rivolgersi alla Caritas per chiedere aiuto.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RIMINI: Bugie social, Sindaco pronto a querelare gli "haters dell'Adriatico"

Prima il ringraziamento "a tutte le persone che amano il nostro mare e non hanno timore di spendersi in prima persona per difenderlo dai poveretti che non vale la pena neanche definire troll o haters: cretini e poveretti è più che sufficiente", poi l'assicurazione che l'Amministrazione comunale, "oltre al ringraziamento, affiancherà in ogni caso azione legale nei confronti di chi non si ferma all'opinione seppur meschina ma propaga informazioni false sulla salute dell'Adriatico". Così il sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad interviene, in una lettera aperta, sui post pubblicati sui social che denigrano il mare dell'Emilia-Romagna. "Nei giorni scorsi - osserva - ho già attivato gli uffici per definire una causa civile contro una pagina Facebook, ovviamente originata in un'altra regione affacciata sul mare, che vaneggiava di problemi ovviamente inesistenti. Bugie insomma che però come tali meritano di finire davanti a un giudice per un giudizio sulla veridicità degli stessi. Causa civile naturalmente. Ogni euro di risarcimento che dovesse arrivare - argomenta - sarà speso per la promozione del nostro oro blu, così amato da tutti". Con la missiva Sadegholvaad coglie l'occasione "per ringraziare pubblicamente i tantissimi romagnoli, compresi gli operatori balneari, e gli altrettanto numerosi ospiti che in queste settimane esaltano e difendono il nostro mare dagli ormai decennali ed estivi attacchi social. Fenomeno apparso dall'alba dell'era di Facebook alimentato da cretini, spesso esclusivamente tali, a volte con il sospetto del 'sicariato per conto terzi'. È tipico dei frustrati o dei prezzolati - prosegue il primo cittadino riminese - mirare al bersaglio grosso e famoso: la dinamica è più o meno la stessa che vediamo in molti altri campi. Ma - conclude - la cosa fantastica è registrare la sempre più crescente reazione opposta e nei numeri superiore".