16 FEBBRAIO 2023

15:13

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1371 visualizzazioni


16 FEBBRAIO 2023 - 15:13


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1371 visualizzazioni



LONGIANO: Al Petrella Lino Musella con lo spettacolo “tavola tavola, chiodo chiodo” | FOTO

L’attore napoletano Lino Musella arriva al Teatro Petrella di Longiano sabato 18 febbraio (ore 21) con lo spettacolo Tavola tavola, chiodo chiodo, nuovo progetto (prodotto da Elledieffe e dal Teatro di Napoli-Teatro Nazionale) che dopo avere debuttato al Piccolo Teatro di Milano è ora di nuovo in tournée.

Tavola tavola, chiodo chiodo è un grande omaggio alla natura e alla forza imperitura del teatro attraverso il ricordo di un grande protagonista della storia del teatro italiano del Novecento: Edoardo De Filippo.

Sulla scena, accompagnato dalle musiche dal vivo di Marco Vidino, Lino Musella dà vita ad un ritratto d’artista costruito attraverso le parole dello stesso Eduardo De Filippo, cui l’attore napoletano dà voce e corpo.

Tavola tavola, chiodo chiodo fa parte del percorso Doppio fondo della stagione 2022-23 del Teatro Petrella di Longiano. Prossimi appuntamenti: l’11 marzo omaggio a Luigi Tenco con Ciao, amore ciao con la compagnia Asinibardasci; il 24 marzo il nuovo lavoro della coreografa e danzatrice Luna Cenere Shoes on.

Info:  info@ilteatropetrella.it

www.ilteatropetrella.it

 




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: Donna senza dimora partorisce in strada, mamma e figlia stanno bene

Ha dato alla luce la sua bambina in strada, in via Barozzi a Bologna, ieri mattina poco prima delle 8. Mamma e piccola stanno bene e si trovano ricoverate alla Maternità dell'ospedale Maggiore. La vicenda è stata riportata oggi sulle pagine de Il Resto del Carlino. La donna, senza fissa dimora, di origine marocchina e di circa 30 anni, avrebbe partorito da sola sul marciapiede. Una chiamata anonima ha fatto scattare l'intervento del 118; sul posto anche la polizia locale. All'arrivo dei soccorritori, pochi minuti dopo l'allarme, la bambina era già nata. La donna era già conosciuta dagli operatori di strada per i suoi problemi di tossicodipendenza e per il fatto che era incinta, ha poi spiegato il Comune di Bologna. La donna risulta in carico al Servizio sociale tutela Minori per una precedente gravidanza. "Nei giorni scorsi si è tentato di mettere in rete una serie di soggetti utili per un intervento a sostegno della donna - precisa il Comune - che però fino alla sera dell'11 giugno ha rifiutato un nostro intervento affermando di non avere una gravidanza in corso e rifiutando di essere accompagnata in ospedale". Ora la situazione è stata presa in carico dagli operatori del servizio sociale tutela Minori che hanno raggiunto mamma e neonata al Maggiore. "In ospedale sono state messe in campo tutte le azioni a tutela della bambina - sottolinea il Comune - e anche la signora è attenzionata per una presa in carico sanitaria e sociale".