7 DICEMBRE 2023

17:33

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

546 visualizzazioni


7 DICEMBRE 2023 - 17:33


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

546 visualizzazioni



BOLOGNA: Torre Garisenda, Bonaccini e Felicori, “La Regione contribuirà con 5 milioni"

“La Regione Emilia-Romagna è pronta a collaborare con il Comune di Bologna per salvare la Garisenda e metterà a disposizione 5 milioni di euro per i necessari lavori di consolidamento sismico e strutturale della torre”. Lo hanno annunciato il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e l’assessore regionale a Cultura e Paesaggio, Mauro Felicori. La Garisenda, che risale al XII secolo, è una delle due torri di Bologna, misura 48 metri e si trova accanto alla più alta Asinelli, che misura 97 metri. Un punto di riferimento molto amato dai bolognesi, ma come la più famosa Torre di Pisa è pendente da secoli, poiché il terreno su cui è stata costruita ha ceduto subito dopo la costruzione. Dal mese scorso l’area circostante è stata isolata a causa delle crescenti preoccupazioni degli esperti sui rischi di crollo. “La Regione farà la propria parte per salvare uno dei due simboli di Bologna, amato ben oltre i confini della città- spiegano Bonaccini e Felicori-. I lavori per evitare il crollo della Torre Garisenda richiederanno molti anni e molte risorse, per quantificare esattamente tempi e costi ci vorranno delle analisi approfondite, anche per scegliere l’intervento più adeguato alla situazione. Bene ha fatto intanto il sindaco Lepore- chiudono- a prevenire possibili rischi e a mettere in sicurezza tutta la zona”.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

CESENA: Nuovi lavori per ripristinare le strade dopo l'alluvione

Se da un lato proseguono senza interruzione i lavori di ripristino delle vie collinari lesionate dalle frane a causa delle significative precipitazioni piovose del mese di maggio, a partire da mercoledì 28 febbraio i quartieri Centro Urbano e Oltresavio saranno interessati da importanti lavori post-alluvione programmati dall’Amministrazione comunale per mettere in sicurezza le banchine stradali danneggiate da acqua e fango. Si tratta di un intervento che sarà eseguito dalla ditta Fratelli Mazzi Snc di Mazzi Fabio & C. di Cesena, per l’ammontare complessivo di 150 mila euro, e che interesserà le vie Carlo Farini, Savio, Malta, Tunisi, Corsica, Cacciaguerra, nel tratto da via Carlo Farini a via Verghereto, e viale IV novembre. Tutti gli interventi da eseguire consistono in opere di messa in sicurezza dei percorsi pedonali e ciclabili programmati in seguito agli eccezionali eventi di maggio. Al fine di garantire un pieno e sicuro svolgimento dei lavori, dal 28 febbraio, per circa un mese, la viabilità nelle vie elencate subirà alcune temporanee modifiche: saranno infatti istituiti un divieto di sosta con rimozione valido per l’intera giornata e un senso unico alternato con semaforo o movieri. Tutte le modifiche alla circolazione saranno indicate da apposita segnaletica stradale di lavori in corso, direzione e deviazione.