5 NOVEMBRE 2023

07:35

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1442 visualizzazioni


5 NOVEMBRE 2023 - 07:35


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1442 visualizzazioni



CESENA: Premio Strega Poesia 2023, al finalista Simoncelli l’attestato di merito dal Comune | VIDEO

“Al poeta Stefano Simoncelli la cui poesia ha la capacità di essere comunicativa e di arrivare a chiunque. Le sue liriche sono un dialogo continuo tra se stesso e le persone a lui care, i suoi versi sono intrisi del suo vissuto, luoghi persone e cose che hanno riempito e riempiono tuttora la sua esistenza come i suoi morti con i quali ha un dialogo continuo e interminabile. In questo anno così speciale per lui , da un punto di vista artistico, che lo ha visto tra i finalisti del premio Strega, vogliamo con questo gesto simbolico ringraziarlo perché attraverso le sue liriche che viaggiano sulle ali del vento e raggiungono angoli anche remoti del nostro Paese, in qualche modo ci rappresenta perché porta in viaggio anche il suo essere romagnolo e cesenate.

Con la Sua esperienza, ci ricorda che la poesia è ancora possibile, anche perché è un anticorpo contro il dilagare della superficialità”.

Nella Sala del Consiglio di palazzo Albornoz, l’Amministrazione comunale ha consegnato a Stefano Simoncelli l’attestato di merito con cui si consacra la relazione di amicizia che lega il poeta nato a Cesenatico, e arrivato finalista nella prima edizione del Premio Strega Poesia 2023, alla città di Cesena. 

È stato l’Assessore alla Cultura Carlo Verona a leggere la motivazione del riconoscimento, affiancato dalla Presidente del Consiglio comunale Nicoletta Dall’Ara. Evidentemente commosso Simoncelli ha ringraziato l’Amministrazione comunale di Cesena condividendo le emozioni provate nel giorno in cui il Comitato scientifico del Premio Strega Poesia gli ha comunicato di essere stato inserito tra i cinque poeti finalisti per l’edizione 2023. 

Al termine della cerimonia istituzionale, a cui sono intervenuti anche Gianfranco Lauretano e Stefano Maldini, l’Associazione Poesis ha nominato Stefano Simoncelli socio onorario. 




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

FORLI': "Il Trust per il Dopo di Noi", alla San Luigi convegno sulla disabilità | FOTO

Quale futuro per le persone con disabilità, in particolare quando non potranno più essere accolte e sostenute dalle famiglie? E quali strumenti giuridici, a partire dal Trust, si possono mettere in campo per assicurare stabilità e serenità a queste persone? È per rispondere a queste domande tanto delicate quanto decisive come queste che tre anni fa a Forlì è nata la Fondazione Caffè Salato, su iniziativa di CavaRei Impresa Sociale che ha riunito imprese e famiglie per promuovere iniziative di formazione e assistenza sul tema del “Dopo di Noi”.  Va proprio in questa direzione il convegno dal titolo “Il Trust per il Dopo di Noi. La protezione giuridica del progetto personalizzato della persona con disabilità” organizzato presso la sala San Luigi di Forlì dalla Fondazione Caffè Salato. Un momento di confronto molto atteso e di grande importanza. Numerose le tematiche trattate, sia nell’ambito della tutela legale che del supporto familiare per il “Durante” e “Dopo di Noi” delle famiglie di persone fragili. Sarà anche l’occasione per raccontare i progetti già in essere, come il ricco calendario formativo gratuito partito il 22 aprile scorso e consultabile sul sito della Fondazione, sia quelli previsti per il futuro. L’evento sarà aperto dal saluto di Donatella Buratti, presidente Fondazione Caffè Salato. A seguire l’intervento della Dott.ssa Katia Tonnini, pedagogista esperta di disturbi di neurosviluppo che relazionerà su “Costruire il progetto di vita: indicazioni della comunità scientifica e sperimentazioni attuali sul territorio”; parola poi all’avv. Francesca Vitulo, esperta in diritto di famiglia e degli strumenti a tutela dei soggetti deboli che parlerà della legge 112/2016 e il Trust. A seguire la presidente di CavaRei Impresa Sociale Maurizia Squarzi racconterà il ruolo della Fondazione nel “Durante” e “Dopo di Noi” per poi ascoltare la testimonianza di una famiglia che ha già realizzato un Trust. In conclusione, l’intervento del Ministro della Disabilità Alessandra Locatelli.