20 NOVEMBRE 2023

10:31

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1107 visualizzazioni


20 NOVEMBRE 2023 - 10:31


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1107 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Qualità della vita, classifica ItaliaOggi, al terzo posto Bologna | VIDEO

La provincia di Bolzano si posiziona al primo posto per qualità della vita, dopo la medaglia d'argento dello scorso anno. A stabilirlo è la classifica annuale sulla qualità della vita 2023 realizzata da ItaliaOggi e Ital Communications, in collaborazione con l'Università Sapienza di Roma, arrivata alla 25esima edizione. Oltre a una classifica generale la ricerca è composta anche da altre classifiche di settore  che mostrano i punti di forza e di debolezza di ogni territorio. A seguire, sul podio, ci sono le città metropolitane di Milano, che sale dal quinto posto del 2022 al secondo, e Bologna che riconferma la medaglia di bronzo. Ultima, al 107esimo posto, è Crotone, come già era successo nel 2022. Le città della Romagna guadagnano posizioni. La provincia di Forlì-Cesena passa dal 25° al 15° posto, Rimini dal 37° al 21° e Ravenna dal 28° al 24°. E se da un lato le province romagnole vanno forti con il tempo libero, l'istruzione e la formazione e l'ambiente, ancora c’è da lavorare nei settori reati e sicurezza. Guardando le diverse voci della classifica, spiccano la qualità ambientale che viene misurata anche con le azioni intraprese dagli amministratori locali. Rimini è undicesima (era 25° nel 2022), Forlì- Cesena resta al 17° posto, Ravenna sale dal 57° al 38° posto. Non altrettanto bene sugli sforamenti di Pm10: 55esima Forlì-Cesena, 71esima Ravenna, 72esima Rimini. Quest’ultima, invece, è tra le prime dieci per le aree pedonali raggiungendo un 5° posto (Ravenna 30° e Forlì- Cesena 69°). Sotto la voce sicurezza Rimini e Ravenna non hanno dei buoni punteggi, la città rivierasca è penultima dopo Milano e Ravenna 97esima, mentre Forlì-Cesena si trova al 61esimo posto.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RIMINI: Bugie social, Sindaco pronto a querelare gli "haters dell'Adriatico"

Prima il ringraziamento "a tutte le persone che amano il nostro mare e non hanno timore di spendersi in prima persona per difenderlo dai poveretti che non vale la pena neanche definire troll o haters: cretini e poveretti è più che sufficiente", poi l'assicurazione che l'Amministrazione comunale, "oltre al ringraziamento, affiancherà in ogni caso azione legale nei confronti di chi non si ferma all'opinione seppur meschina ma propaga informazioni false sulla salute dell'Adriatico". Così il sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad interviene, in una lettera aperta, sui post pubblicati sui social che denigrano il mare dell'Emilia-Romagna. "Nei giorni scorsi - osserva - ho già attivato gli uffici per definire una causa civile contro una pagina Facebook, ovviamente originata in un'altra regione affacciata sul mare, che vaneggiava di problemi ovviamente inesistenti. Bugie insomma che però come tali meritano di finire davanti a un giudice per un giudizio sulla veridicità degli stessi. Causa civile naturalmente. Ogni euro di risarcimento che dovesse arrivare - argomenta - sarà speso per la promozione del nostro oro blu, così amato da tutti". Con la missiva Sadegholvaad coglie l'occasione "per ringraziare pubblicamente i tantissimi romagnoli, compresi gli operatori balneari, e gli altrettanto numerosi ospiti che in queste settimane esaltano e difendono il nostro mare dagli ormai decennali ed estivi attacchi social. Fenomeno apparso dall'alba dell'era di Facebook alimentato da cretini, spesso esclusivamente tali, a volte con il sospetto del 'sicariato per conto terzi'. È tipico dei frustrati o dei prezzolati - prosegue il primo cittadino riminese - mirare al bersaglio grosso e famoso: la dinamica è più o meno la stessa che vediamo in molti altri campi. Ma - conclude - la cosa fantastica è registrare la sempre più crescente reazione opposta e nei numeri superiore".