3 OTTOBRE 2023

11:13

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1007 visualizzazioni


3 OTTOBRE 2023 - 11:13


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1007 visualizzazioni



CESENA: Studente e cane entrambi senza un arto, 'casa per me e Tris'

"A entrambi manca un arto ma siamo buoni, adotta anche tu un fenicottero". Con questo bizzarro appello sui social si presenta Yuri Prezzi, studente bolognese di 29 anni che cerca una stanza a Cesena, dove studia al secondo anno di Ingegneria biomedica. Rilanciato dalla stampa locale, Yuri spiega di avere difficoltà a trovare qualcuno che affitti una camera a lui e alla sua cagnolina Tris. Il 29enne, nato con una malformazione, ha subito l'amputazione di una gamba e, per ironia della sorte, anche alla sua Tris che ha adottato manca una zampa anteriore. "Sì lo so, sono vecchio per studiare ma per me le lauree sono come le tictac, godi solo dalle tre in poi", si racconta. Yuri ha già una laurea in Scienze motorie, ha conseguito la Magistrale in Attività fisica adattata ed è anche massoterapista. È stato atleta paralimpico di nuoto, fa arrampicata sportiva, guida auto e moto.

"Con me ho un quadrupede, che in realtà è un tripode, perché per farci buona compagnia abbiamo deciso di essere monchi insieme - scrive sui social - Io sono un tranquillo ragazzo senza gamba, alla peggio sentirete saltellare al piano di sotto la notte quando vado in bagno, ma il resto del tempo sono tranquillo e lavoro mentre studio. La cagnolina non abbaia praticamente mai, ogni tanto confonde la sua ombra al vetro masi spaventa e basta. Sono super sportivo, non fumatore e posso essere considerato come un fenicottero. Adotta anche tu un fenicottero e sii piacente agli occhi della società". 

La pagina Instagram di Yuri




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

FORLI': "Il Trust per il Dopo di Noi", alla San Luigi convegno sulla disabilità | FOTO

Quale futuro per le persone con disabilità, in particolare quando non potranno più essere accolte e sostenute dalle famiglie? E quali strumenti giuridici, a partire dal Trust, si possono mettere in campo per assicurare stabilità e serenità a queste persone? È per rispondere a queste domande tanto delicate quanto decisive come queste che tre anni fa a Forlì è nata la Fondazione Caffè Salato, su iniziativa di CavaRei Impresa Sociale che ha riunito imprese e famiglie per promuovere iniziative di formazione e assistenza sul tema del “Dopo di Noi”.  Va proprio in questa direzione il convegno dal titolo “Il Trust per il Dopo di Noi. La protezione giuridica del progetto personalizzato della persona con disabilità” organizzato presso la sala San Luigi di Forlì dalla Fondazione Caffè Salato. Un momento di confronto molto atteso e di grande importanza. Numerose le tematiche trattate, sia nell’ambito della tutela legale che del supporto familiare per il “Durante” e “Dopo di Noi” delle famiglie di persone fragili. Sarà anche l’occasione per raccontare i progetti già in essere, come il ricco calendario formativo gratuito partito il 22 aprile scorso e consultabile sul sito della Fondazione, sia quelli previsti per il futuro. L’evento sarà aperto dal saluto di Donatella Buratti, presidente Fondazione Caffè Salato. A seguire l’intervento della Dott.ssa Katia Tonnini, pedagogista esperta di disturbi di neurosviluppo che relazionerà su “Costruire il progetto di vita: indicazioni della comunità scientifica e sperimentazioni attuali sul territorio”; parola poi all’avv. Francesca Vitulo, esperta in diritto di famiglia e degli strumenti a tutela dei soggetti deboli che parlerà della legge 112/2016 e il Trust. A seguire la presidente di CavaRei Impresa Sociale Maurizia Squarzi racconterà il ruolo della Fondazione nel “Durante” e “Dopo di Noi” per poi ascoltare la testimonianza di una famiglia che ha già realizzato un Trust. In conclusione, l’intervento del Ministro della Disabilità Alessandra Locatelli.