2 OTTOBRE 2023

15:42

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1205 visualizzazioni


2 OTTOBRE 2023 - 15:42


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1205 visualizzazioni



TREDOZIO: Terremoto, ancora 100 persone senza casa, scuola spostata in palestra | VIDEO

A due settimane dal terremoto la situazione a Tredozio è ancora difficile per le tante famiglie rimaste senza una casa. La buona notizia è che è stata trovata una sistemazione per gli alunni della scuola del paese, che ora hanno un posto al chiuso dove fare lezione.

E’ un nuovo giorno di scuola a Tredozio. Questa settimana però inizia in maniera particolare perché gli studenti, dopo due settimane all’aperto, sono finalmente tornati a fare lezione al chiuso. Le tende della protezione civile, che sostituiscono la scuola, dichiarata inagibile dopo il terremoto, sono state infatti spostate nella palestra cittadina. Qui resteranno probabilmente per tutto l’anno scolastico.

Risolve il problema del freddo invernale e fornisce degli spazi sicuri ai bambini – spiega la sindaca Vietina - è una soluzione ottimale in questo momento

La situazione però a Tredozio è tutt’altro che risolta per chi è rimasto senza casa. 44 famiglie, in tutto un centinaio di persone, che ora sono alloggiate in strutture provvisorie, con bagni e cucine in comune, che non reggerebbero all’inverno. E’ il motivo per cui dal Comune chiedono che vengano forniti in fretta dei prefabbricati dove sistemare i terremotati: “Il problema è che in casi di questo tipo il Governo deve fare delle leggi apposite e questa legge non è stata ancora fatta perché lo stato di emergenza è stato chiesto dalla Regione solo dopo aver terminato tutte le verifiche

Vi sono state date delle indicazioni sui tempi? Quando potrebbero arrivare queste casette?

Io spero che la legge sia fatta il più presto possibile e che ci permetta una grande manovra di azione. Abbiamo bisogno di grandi fondi




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: De Pascale, "Aumentare i rimborsi per gli alluvionati"

Modificare in Aula il decreto legge che fissa in 6mila euro di indennizzo il massimale per l'indennizzo per i beni mobili distrutti o danneggiati dall'alluvione in Emilia-Romagna. Il sindaco e presidente della provincia di Ravenna Michele de Pascale ha scritto un appello alle senatrici e ai senatori emiliano-romagnoli perché presentino un emendamento al Senato, dove il decreto è incardinato. "Le cifre stabilite per l'indennizzo dei beni mobili danneggiati dall'alluvione (3.200 euro per il vano adibito a cucina" e "ulteriori 700 euro per ciascuno degli altri vani, fino ad un importo massimo complessivo di 6.000 euro) - scrive - sono assolutamente insufficienti per risarcire gli enormi danni provocati dagli eventi alluvionali che in molti casi hanno distrutto l'intero mobilio dell'abitazione, elettrodomestici inclusi. Vi chiedo di proporre la correzione della norma portando ad aumentare il massimale ad una cifra verosimile, che tenga conto della reale situazione in cui si trovano tante famiglie; dalle informazioni che ho raccolto in questi mesi i danni ai beni mobili arriverebbero in diversi casi vicino ai 30.000 euro".