8 AGOSTO 2022

09:13

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

674 visualizzazioni


8 AGOSTO 2022 - 09:13


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

674 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Covid, nel report domenicale 2.467 nuovi casi e 6 decessi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.780.790 casi di positività, 2.467 in più rispetto a ieri, su un totale di 10.513 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 3.950 molecolari e 6.563 test antigenici rapidi.

Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 23,4%

Vaccinazioni

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 10.740.780 dosi; sul totale sono 3.797.614 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 94,5%. Le dosi aggiuntive fatte sono 2.945.993

Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate.

Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/.

Ricoveri

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 43 (dato invariato rispetto a ieri), l’età media è di 65,1 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.463 (+23 rispetto a ieri, +1,6%), età media 75,7 anni.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Piacenza (invariato rispetto a ieri); 3 a Parma (+1); 4 a Reggio Emilia (-1); 5 a Modena (invariato); 11 a Bologna (+1); 4 a Imola (+1); 5 a Ferrara (invariato); 2 a Forlì (invariato); 2 a Cesena (-1); 5 a Rimini (-1).

Nessun ricoverato in terapia intensiva a Ravenna (dato invariato rispetto a ieri).

Contagi

L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 50,8 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 412 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 366.630) seguita da Modena (348 su 271.834); poi Reggio Emilia (280 su 200.758), Ravenna (262 su 167.683), Ferrara (258 su 126.750), Parma (232 su 149.659), Rimini (217 su 167.910). Quindi Cesena (168 su 100.128), Forlì (116 su 82.512), Piacenza (112 su 91.263). Infine il Circondario Imolese con 62 nuovi casi di positività su un totale da inizio pandemia di 55.663.

casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 45.119 (- 2.168). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 43.613 (-2.191), il 96,6% del totale dei casi attivi.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Guariti e deceduti

Le persone complessivamente guarite sono 4.629 in più e raggiungono quota 1.718.048.

Purtroppo, si registrano 6 decessi:

  • 2 in provincia di Parma (una donna e un uomo, entrambi di 84 anni)
  • 1 in provincia di Modena (una donna di 101 anni)
  • 1 in provincia di Bologna (un uomo di 95 anni)
  • 1 in provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 73 anni)
  • 1 in provincia di Rimini (un uomo di 72 anni)

Non si registrano decessi nelle province di Piacenza, Reggio EmiliaFerrara e Ravenna.

In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 17.623




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

SARSINA: Ripartiti gli scavi del Tempio Romano

Gli scavi archeologici nell'area del tempio tripartito di età romana del sito di Sarsina (Forlì-Cesena) possono ripartire a seguito della prima messa in sicurezza del sito, realizzata grazie all'accordo tra l'Istituto centrale per l'Archeologia del Ministero della Cultura, il dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso pubblico e della Difesa civile - Comando di Forlì-Cesena, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e il comune di Sarsina. Sono terminate le operazioni di predisposizione dell'area, interessata da rischio idrogeologico. L'intervento, finanziato dall'Istituto centrale per l'Archeologia del Mic, si è reso necessario per garantire il prosieguo delle attività di indagine archeologica, oltre che le future fasi di restauro e valorizzazione del sito. La prima fase delle operazioni ha riguardato la salvaguardia del sito secondo il principio del "minimo intervento". Potranno ora riprendere le indagini sul campo a cura di archeologi professionalmente qualificati diretti dalla Soprintendenza, che curerà anche la divulgazione dei nuovi risultati delle ricerche. L'importante scoperta archeologica - un tempio tripartito riconducibile all'età romana, con adiacenti strutture altomedievali - era stata ufficializzata lo scorso settembre 2023 durante le Giornate europee del patrimonio. Sono stati individuati resti di una struttura quadrangolare di grandi dimensioni che si può ricollegare a un edificio di culto di età romana, datato in via preliminare al I sec. a.C., coevo con la pavimentazione in lastre di pietra arenaria del foro lasciate a vista nella vicina area archeologica pubblica e ritrovate anche alla base delle evidenze strutturali messe in luce. L'eccezionalità di tale rinvenimento consiste anche nel suo stato di conservazione.