2 NOVEMBRE 2022

05:40

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

560 visualizzazioni


2 NOVEMBRE 2022 - 05:40


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

560 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Covid, nell'ultimo report 1.532 nuovi casi e 13 decessi

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.962.433 casi di positività1.532 in più rispetto a ieri, su un totale di 16.268 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 9.984 molecolari e 6.284 test antigenici rapidi.

Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 9,4%.

Vaccinazioni
Continua, intanto, la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 10.986.525 dosi; sul totale sono 3.801.665 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 94,6%. Le dosi aggiuntive fatte sono 2.970.259.
Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate.
Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/ .

Ricoveri
I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 31 (-4 rispetto a ieri, pari al -0,7%), l’età media è di 63,2 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.151 (-8 rispetto a ieri, -11,4%), età media 77,1 anni.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 4 a Reggio Emilia (numero invariato rispetto a ieri); 4 a Modena (-2); 11 a Bologna (invariato); 5 a Ferrara (-1); 4 a Ravenna (invariato); 1 a Forlì (invariato); 2 a Rimini (invariato).
Nessun ricovero a Piacenza, Parma, Imola e Cesena.

Contagi
L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 55,3 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 431 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 398.734), seguita da Modena (267 su 297.212) e Reggio Emilia (127 su 223.540); poi Ravenna (120 su 185.905), Rimini (104 su 182.780), Piacenza (101 su 103.077), Parma (85 su 167.576), Forlì (82 su 91.449), Cesena (77 su 110.156) e Ferrara (74 su 141.852); quindi il Circondario Imolese (64 su 60.152).

casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 33.312 (-1.040). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 32.130 (-1.028), il 97,4% del totale dei casi attivi.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Guariti e deceduti
Le persone complessivamente guarite sono 2.559 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.910.864.

Purtroppo, si registrano 13 decessi:

  • 1 in provincia di Piacenza (un uomo di 93 anni)
  • 3 in provincia di Parma (una donna di 54 anni, un uomo di 82 anni di Piacenza a cui si aggiunge un uomo di 78 anni residente fuori regione)
  • 3 in provincia di Reggio Emilia (un uomo di 64 anni e due donne rispettivamente di 89 e 92 anni)
  • 2 in provincia di Modena (due donne di 74 anni e 83 anni)
  • 1 a Forlì (una donna di 74 anni)
  • 3 in provincia di Cesena (un uomo di 87 anni e due donne di 83 e 94 anni)

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in Emilia-Romagna sono stati 18.257.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: Donna senza dimora partorisce in strada, mamma e figlia stanno bene

Ha dato alla luce la sua bambina in strada, in via Barozzi a Bologna, ieri mattina poco prima delle 8. Mamma e piccola stanno bene e si trovano ricoverate alla Maternità dell'ospedale Maggiore. La vicenda è stata riportata oggi sulle pagine de Il Resto del Carlino. La donna, senza fissa dimora, di origine marocchina e di circa 30 anni, avrebbe partorito da sola sul marciapiede. Una chiamata anonima ha fatto scattare l'intervento del 118; sul posto anche la polizia locale. All'arrivo dei soccorritori, pochi minuti dopo l'allarme, la bambina era già nata. La donna era già conosciuta dagli operatori di strada per i suoi problemi di tossicodipendenza e per il fatto che era incinta, ha poi spiegato il Comune di Bologna. La donna risulta in carico al Servizio sociale tutela Minori per una precedente gravidanza. "Nei giorni scorsi si è tentato di mettere in rete una serie di soggetti utili per un intervento a sostegno della donna - precisa il Comune - che però fino alla sera dell'11 giugno ha rifiutato un nostro intervento affermando di non avere una gravidanza in corso e rifiutando di essere accompagnata in ospedale". Ora la situazione è stata presa in carico dagli operatori del servizio sociale tutela Minori che hanno raggiunto mamma e neonata al Maggiore. "In ospedale sono state messe in campo tutte le azioni a tutela della bambina - sottolinea il Comune - e anche la signora è attenzionata per una presa in carico sanitaria e sociale".