8 OTTOBRE 2022

15:10

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

455 visualizzazioni


8 OTTOBRE 2022 - 15:10


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

455 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Covid, 4.005 nuovi casi e 4 decessi in 24 ore

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.892.394 casi di positività4.005 in più rispetto a ieri, su un totale di 18.707 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 8.643 molecolari e 10.064 test antigenici rapidi.
Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 21,4%.

Vaccinazioni

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 10.884.968 dosi; sul totale sono 3.800.392 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 94,6%. Le dosi aggiuntive fatte sono 2.961.614.
Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate.
Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/ .

Ricoveri

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 19 (uno in più rispetto a ieri) l’età media è di 65,9 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 842 (+22 rispetto a ieri, +2,7%), età media 75 anni.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Reggio Emilia (invariato); 4 a Modena (+2); 4 a Bologna (-1); 1 a Imola (invariato); 2 a Ferrara (+2); 1 a Ravenna (invariato); 1 a Forlì (invariato); 2 a Cesena (invariato); 2 a Rimini (invariato).
Nessun ricovero a Piacenza (come ieri) e a Parma (-2).

Contagi

L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 54,1 anni.
La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 819 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 385.475) seguita da Reggio Emilia (586 su 214.297); poi Modena (566 su 287.681); poi Parma (330 su 160.563) e Ravenna (319 su 179.326); quindi Rimini (297 su   177.876), Piacenza (294 su 98.065), Ferrara (264 su 135.734), Cesena (243 su 106.702) e Forlì (190 su 88.298); infine il Circondario Imolese (97 su  58.377).

casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 37.949 (+2.020). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 37.088 (+1.997), il 97,7% del totale dei casi attivi.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Guariti e deceduti

Le persone complessivamente guarite sono 1.981 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.836.379. Purtroppo, si registrano 4 decessi:

  • in provincia di Reggio Emilia (due donne di 83 e 88 anni)
  • in provincia di Modena (una donna di 58 anni)
  • 1 in provincia di Bologna (un uomo di 90 anni)

Non si registrano decessi nelle province di PiacenzaParma, RavennaForlì-Cesena, Rimini, Ferrara e nel Circondario imolese.
In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 18.066




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

BOLOGNA: No alle riprese al processo Amato, per Odg e Aser è inaccettabile

"La decisione del presidente della Corte d'Assise di Bologna di non autorizzare le riprese video al processo che vede imputato il medico Giampaolo Amato, accusato di aver ucciso la moglie e la suocera, non è accettabile, soprattutto per le motivazioni. Secondo il presidente della Corte non ricorrerebbe un particolare interesse di rilevanza sociale". È quanto denunciano il presidente dell'Ordine dei giornalisti Emilia-Romagna, Silvestro Ramunno e il presidente dell'Associazione Stampa Emilia-Romagna, Paolo Maria Amadasi. "Nelle democrazie sono i giornalisti a stabilire l'interesse pubblico e la rilevanza sociale di una notizia, a garanzia della corretta informazione all'opinione pubblica. Una prerogativa che i giornalisti si impegnano ad esercitare nel rispetto della deontologia professionale e dei diritti delle persone coinvolte", si legge nel comunicato congiunto dell'Ordine dei giornalisti e dell'Aser. Il caso del medico Giampaolo Amato "è stato al centro delle cronache, ha fatto discutere la città ed è innegabile che un processo su un presunto duplice femminicidio sia di interesse pubblico. Ci rammarichiamo della decisione del presidente della Corte d'Assise di Bologna, un atto ulteriore di limitazione all'attività della stampa e all'informazione ai cittadini. Nell'auspicare un ripensamento, ricordiamo che altri tribunali dell'Emilia-Romagna hanno autorizzato le riprese per processi simili e che tutta l'attività della stampa si è svolta nel rispetto dei diritti delle persone coinvolte".