1 NOVEMBRE 2015

10:03

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

504 visualizzazioni


1 NOVEMBRE 2015 - 10:03


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

504 visualizzazioni



CESENA: Tutti a tavola, si mangia! - VIDEO

"E' pronto in tavola!" con questo avviso, lanciato dalle mamme a voce alta, la famiglia di una volta si radunava per i riti del pranzo e della cena. Pranzi e cene spesso frugali ma ricchi di sapori, odori e colori che, nel tempo, si sono impressi nella memoria e ci accompagnano ancora. Cesena a Tavola si svolge all'insegna della riscoperta dei sapori di una volta e anche di quelli di terre lontane: un viaggio nel tempo e nei territori per ricercare, conoscere e valorizzare i prodotti ed i piatti di tradizione. La "Mostra Mercato dei prodotti alimentari tipici" è una vera e propria vetrina all'aria aperta delle specialità gastronomiche delle regioni italiane. La Romagna, innanzitutto, ma anche le altre regioni sono degnamente rappresentate dai circa cinquanta espositori che propongono un trionfo di sapori, odori e colori dalle Alpi al Mediterraneo, dalle colline al mare. Vini, formaggi, salumi, funghi e tartufi, sottoli, conserve, salse, condimenti, erbe e spezie, liquori, miele, dolci tipici, cioccolato... praticamente tutti gli ingredienti per un grande banchetto d'autunno. Nelle piazze e lungo il Corso, osterie ‘di strada’ allestite appositamente per l'occasione, con assaggi da passaggio ma anche allegre tavolate all’insegna del ‘social food’ perché condividere il desco è un gesto sociale e socievole. Oltre alla buona cucina romagnola, di terra e di mare e all’immancabile piadina ci sono la focaccia ligure, la farinata di ceci, l’osteria toscana, malloreddu, porceddu ed altre specialità sarde, nonché arrosticini, fritto misto al cartoccio, crepes e gaufress, e tante altre delizie.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

CESENA: Alluvione, Figliuolo, "a disposizione una dote da oltre 1,9 miliardi"

Sul fronte delle "risorse, al momento la mia dotazione" per fare fronte alle richieste di rimborso, "è sensibilmente aumentata, perchè ai 639 milioni iniziali si sono aggiunti 560 milioni previsti da una vecchia norma più i 700 milioni del credito d'imposta che a breve vedranno la luce nell'ordinanza quindi alla fine fanno più di 1,9 miliardi nella disponibilità del commissario". Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario alla ricostruzione post alluvione oggi a Cesena per un sopralluogo. "Al momento - ha osservato abbiamo soddisfatto 280 domande per un importo di 8,6 milioni di cui la metà erogata a cittadini e imprese che hanno fatto richiesta. Le domande piano piano stanno incrementando: la piattaforma c'è, funziona, I Comuni, la struttura commissariale con Invitalia stanno processando le domande e noi siamo pronti a concedere e erogare i contributi previsti quando la perizia è positiva". A chi gli chiedeva se ritenesse sufficiente una somma di 6.000 euro per il rimborsi dei beni mobili colpiti dall'alluvione, Figliuolo ha osservato che "da zero adesso ci sono 6.000 euro. Con le perizie fatte devo dire che il 50%" delle richieste "sono sotto e il 50% sopra. Poi - ha aggiunto - c'è da verificare chi ha ricevuto dei rimborsi dovuti ai contributi di immediato sostegno. Quindi non sono solo questi 6.000 euro ma ci sono altri tipi di contributi da cui uno potrebbe avere avuto dei rimborsi. Per quello che mi riguarda l'ordinanza sarà pronta la settimana prossima, la stiamo definendo poi andrà in assenso Regione e sarà operativa. La piattaforma Sfinge - ha concluso Figliuolo - è in grado di accogliere le domande a coloro che hanno già fatto domanda verrà erogato il contributo a saldo".