Altro

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Il segretario Pd Tosiani, “Qui miglior risultato d'Italia” | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Il segretario Pd Tosiani, “Qui miglior risultato d'Italia” | VIDEO

POLITICA - E' un futuro roseo quello che vede il Pd regionale davanti a sé, dopo le consultazioni europee e amministrative. Il segretario dem dell'Emilia Romagna, Luigi Tosiani, fa il punto sui risultati elettorali e si prepara alla prossima sfida: quella delle regionali. “Siamo il primo partito in Emilia-Romagna e abbiamo vinto nelle città più popolose della Regione 18 Comuni su 20. E 8 su 10 sono capoluoghi”. E' estremamente positivo il bilancio di Luigi Tosiani, segretario regionale del Pd, che fa la sintesi dei risultati di Europee e Comunali, orgoglioso della performance del Pd - che qui – rimarca - ottiene il miglior risultato d'Italia - e delle preferenze incassate anche nei territori alluvionati. E ora i dem accelerano per andare alle urne il prima possibile e capitalizzare il successo, schierando un campo larghissimo modello Modena, Reggio Emilia e Cesena. E sul candidato per le regionali, Tosiani conferma la scadenza già indicata dal Pd: sarà scelto entro l'estate. Nei prossimi giorni verrà avviata la "Fabbrica Emilia-Romagna" con quattro tappe in giro per la regione e l'obiettivo di varare il programma. In vista delle elezioni regionali in Emilia-Romagna - ha sottolineato Tosiani -, il percorso non cambia, anzi si rafforza nel risultato delle europee e delle amministrative nella nostra regione, perché il Partito democratico è il primo partito di questa regione e, con ancora più forza, aumenta i voti validi alle europee. Aumenta la percentuale rispetto a 5 anni fa e di 8 punti rispetto alle elezioni politiche. Il percorso si rafforza anche delle vittorie nei comuni". "Vinciamo nei tre capoluoghi che governavamo al primo turno - ha proseguito Tosiani -. Ci sono 17 dei 20 comuni più popolosi dell'Emilia-Romagna che governa il centrosinistra. Otteniamo una vittoria nel 70% dei Comuni di questa regione e continuiamo a governare. Quindi ci sono le condizioni - ha sottolineato - perché questo percorso sia ancora più forte. Sarà in campo nei prossimi giorni 'La fabbrica Emilia-Romagna', che abbiamo lanciato come percorso programmatico, che arriverà a mettere in campo le idee, i contenuti e poi vedremo la data del voto e certamente lo approcciamo con grande umiltà ma anche con la consapevolezza di poter fare bene".

Thumbnail EMILIA ROMAGNA: Bonaccini, "ora rapidamente il mio successore" | VIDEO

EMILIA ROMAGNA: Bonaccini, "ora rapidamente il mio successore" | VIDEO

Un risultato straordinario e quasi inaspettato, col Pd che si avvicina a Fratelli d'Italia, incassando, soprattutto in Emilia-Romagna, numeri che danno fiducia per il futuro del centrosinistra anche della nostra Regione. È questo, in sintesi, il commento al voto per le Europee del governatore Stefano Bonaccini, che in vista della scelta per il nome del proprio successore chiede ai suoi di prendere una decisione il più velocemente possibile Un risultato straordinario e quasi inaspettato. È il commento all'esito delle elezioni europee del Pd, in tutto il Paese e in particolare in Emilia-Romagna, che alle oltre 390mila preferenze personali incassate, da parte dell'ormai governatore uscente Stefano Bonaccini. “Credo che un 24 e oltre per cento non se lo aspettasse nessuno” dice, aggiungendo: “Ce l'abbiamo fatta, cominciamo a vedere Meloni. La destra però è ancora forte, molto forte”. Soddisfacente anche lo scenario che si delinea con le amministrative in regione, continua il governatore, mentre quanto ai due mandati in viale Aldo Moro, Bonaccini parla di un'esperienza bellissima e intensa, di una regione che lascia meglio di come l'ha trovata e della vice Irene Priolo a traghettare l'ente fino al prossimo voto, anche se per date e modalità c'è ancora tempo, assicura. Che consiglio, infine, per il suo successore? “Uno solo, che non ci si metta a pensare solo al proprio destino -conclude il presidente- e che si scelga velocemente. Con questi risultati le persone si aspettando una decisione del centrosinistra più rapidamente possibile”.

Thumbnail ROMAGNA: Amministrative, Lattuca vince a Cesena, testa a testa a Forlì

ROMAGNA: Amministrative, Lattuca vince a Cesena, testa a testa a Forlì

Solo Forlì, fra i comuni capoluogo di provincia dell'Emilia-Romagna è, a due ore dall'inizio dello scrutinio, ancora in bilico fra i due candidati principali. Se non proprio i festeggiamenti, le prime strette di mano sono già cominciate a Modena, Reggio Emilia e Cesena (dove sono in netto vantaggio i sindaci di centrosinistra Massimo Mezzetti, Marco Massari ed Enzo Lattuca) e a Ferrara dove il sindaco uscente Alan Fabbri, sostenuto del centrodestra, è in netto vantaggio. A Forlì situazione più equilibrata e aperta ad ogni soluzione: l'uscente Gian Luca Zattini (centrodestra) e lo sfidante Graziano Rinaldini (centrosinistra) sono fra il 48 e il 49%.


TUTTE LE NOTIZIE