Altro

Thumbnail BOLOGNA: Ausl difende i Cau e punta ad un nuovo accreditamento | VIDEO

BOLOGNA: Ausl difende i Cau e punta ad un nuovo accreditamento | VIDEO

“La direzione è quella giusta, dare giudizi adesso sui Cau sarebbe un errore”. È quanto affermato in sintesi da Paolo Bordon, direttore generale dell'Ausl di Bologna, a margine dell'ultimo giorno di visita nei propri reparti dei valutatori di Accreditation Canada, ente internazionale che certifica gli standard di cure in tutto il mondo in termini di qualità, sicurezza e centralità delle persone “La direzione di marcia è giusta, abbiamo iniziato questa esperienza da pochi mesi. Fare una fotografia e giudicarla adesso mi sembra un errore, anche dal punto di vista del metodo, perchè è noto a tutti che nelle strutture in cui sono partiti hanno lavorato”. È con queste parole che Paolo Bordon, direttore generale dell'Ausl di Bologna, difende ancora una volta i Cau, i centri di assistenza e urgenza introdotti a livello regionale per alleggerire il carico di lavoro dei pronto soccorso, dalle critiche che continuano ad arrivare da più parti, ultima in ordine di tempo quella del sindacato autonomo dei medici, avverso alla strada intrapresa fin dall'inizio. L'occasione è stata l'ultimo giorno di visita per l'accreditamento di eccellenza dell'azienda condotta dai valutatori provenienti da tutto il mondo di Accreditation Canada, ente no profit col quale è partito nel 2021 un percorso che ha portato, nelle ultime tre settimane, la visita degli accreditatori che si sono confrontati con medici, infermieri e utenza riguardo, in particolare, l'efficienza dei processi e la qualità dei servizi erogati, ponendo l'accento soprattutto sulla filosofia delle cure centrate sulle persone. “È un progetto di formazione enorme, che ha coinvolto circa tremila operatori dell'azienda -ha aggiunto Bordon- che hanno letto la propria organizzazione rispetto a degli standard internazionali. Questa rilettura ha autonomamente espresso 131 pratiche di miglioramento che noi abbiamo, molte delle quali, già attuato in questi due anni”. Il giudizio finale dell'ente arriverà entro un mese.

Thumbnail CALCIO: Girandola di allenatori in A, "Giusto dare spazio ai giovani" | VIDEO

CALCIO: Girandola di allenatori in A, "Giusto dare spazio ai giovani" | VIDEO

Sarà una serie A fortemente rivoluzionata quella che prenderà il via nella prossima stagione: la stragrande maggioranza dei club è intenzionata a cambiare allenatore e il nuovo campionato si prospetta particolarmente incerto. Ne ha parlato Adriano Piraccini nel corso dell'ultima puntata di Doppio Passo: "La speranza è che ci sia qualche allenatore che venga promosso dalla serie B: ci sono tanti profili interessanti a cui andrebbe data un'opportunità anche nel massimo campionato, penso a Paolo Vanoli che ha fatto molto bene al Venezia ma anche in C ci sono tecnici emergenti come Davide Possanzini, quest'anno al Mantova. Sicuramente c'è un movimento insolito, non era mai capitato di assistere a una tale rivoluzione che per alcuni allenatori rappresenterà un'opportunità".


TUTTE LE NOTIZIE