9 MAGGIO 2020

13:07

NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1243 visualizzazioni


9 MAGGIO 2020 - 13:07


NOTIZIA DI ECONOMIA

DI

1243 visualizzazioni



RIMINI: Arredamento, “Non ci fanno aprire, ingiustizie nei codici Ateco” | VIDEO

Difficoltà economiche anche per il settore dell’arredamento. La categoria degli show-room denuncia il fatto di non poter fare consegne a domicilio mentre artigiani e società di traslochi possono lavorare.

“Siamo chiusi con delle incongruenze abbastanza evidenti – afferma il presidente di Federmobili Rimini, Augusto Antolini -. Se prendo un padroncino esterno, non alle mie dipendenze, possono montare la cucina in casa della gente, perché loro hanno un codice Ateco specifico per posatori. Se invece lo voglio fare coi miei dipendenti per offrire ai miei clienti un servizio di qualità, non lo posso fare”.

Quali difficoltà sta riscontrando il vostro settore con questi mesi di chiusura?

“I nostri fornitori, le aziende produttrici di arredi, hanno riaperto il 4 maggio, ma si ritrovano con i magazzini pieni, perché finché noi non riusciremo a consegnare, non si potrà mandare avanti la produzione, dato che è in linea”. Una volta riaperta completamente l’attività prevede una contrazione dei consumi? “Sicuramente sì”.




ALTRE NOTIZIE DI ECONOMIA

EMILIA- ROMAGNA: L'assemblea generale Coop Alleanza 3.0 approva il bilancio 2023

E' stato approvato in via definitiva il bilancio 2023 di Coop Alleanza 3.0, che con i suoi 2,2 milioni di soci è la più grande cooperativa italiana. Il via libera al bilancio, che si è chiuso con 20 milioni di utile, è arrivato all'assemblea generale che si è svolta oggi a Bologna e a cui hanno partecipato 130 delegati da tutta Italia. Atto finale dopo che in 86 assemblee dei soci separate sono stati raccolti oltre 40 mila voti. "L'Assemblea Generale odierna - ha sottolineato il presidente Mario Cifiello -, e il lungo percorso che ci ha portati a sondare la volontà di oltre 40 mila donne e uomini in vista di questo giorno, è la dimostrazione che la cooperazione è un modello attuale, vivace ed in gradi di produrre risultati. Un modello che si distingue per l'adesione volontaria, la gestione democratica e la distribuzione bilanciata dei profitti tra tutti gli attori della filiera, dal produttore sino al consumatore. E, quindi, che dimostra che è possibile stare sul mercato in un modo alternativo, e secondo il nostro punto di vista più equo, rispetto ad altri modelli, in cui la gestione e i processi decisionali sono più accentrati e verticistici". La direttrice generale Milva Carletti ha presentato la relazione sul bilancio e sul primo anno del Piano Strategico 2023-2027, sottolineando gli effetti positivi del percorso di rilancio e della concentrazione sul core business che ha permesso di migliorare le performance di 137 milioni rispetto alla chiusura 2022. All'appuntamento dell'assemblea, a cui è intervenuto anche il presidente di Legacoop Simone Gamberini, è stato unito anche un incontro su 'Il futuro dell'Europa. L'Europa nel futuro' a cui hanno partecipato il giornalista di Avvenire Luca Mazza e la politologa Sofia Ventura, oltre a Cifiello che ha evidenziato le analogie fra il sistema cooperativo e quello europeo. "Il movimento cooperativo - ha ricordato - ha concretamente sostenuto i processi di integrazione europea, promuovendo con numerosissimi progetti sovranazionali la collaborazione tra i popoli, le culture e le nazioni".