17 OTTOBRE 2022

10:11

NOTIZIA DI CRONACA

DI

2768 visualizzazioni


17 OTTOBRE 2022 - 10:11


NOTIZIA DI CRONACA

DI

2768 visualizzazioni



BOLOGNA: Baby gang, cc Gran Reno militarizzato, parla commerciante, “Non porterei miei figli qui” | VIDEO

Massiccio aumento dei controlli al centro commerciale Gran Reno di Casalecchio alle porte di Bologna, divenuto il punto di ritrovo per le baby gang del territorio. Dopo le risse e le violenze delle scorse settimane, controlli a tappetto all’arrivo in stazione e all’entrata del centro commerciale.

 

Un centro commerciale alle porte di Bologna militarizzato per la paura delle baby gang. Succede allo Shopville Gran Reno di Casalecchio, che dalla scorsa estate è diventato il punto di ritrovo bolognese per orde di giovanissimi provenienti anche da fuori regione. Arrivano in massa con il treno, collane e borselli in bella vista e scatenano il panico tra i commercianti e gli avventori. Dopo le risse e gli episodi di violenza delle scorse settimane, i controlli si sono intensificati, con agenti di polizia e carabinieri che controllano e schedano chiunque arrivi al Gran Reno con il treno, e anche all’entrata del centro commerciale. Tutto scorre per il meglio, ma la paura tra chi lavora al Gran Reno rimane tanta.




ALTRE NOTIZIE DI CRONACA

BOLOGNA: Processo Amato, psicologa, "lei non voleva più le tisane"

Dopo aver scoperto, grazie alle analisi del sangue, tracce di benzodiazepine superiori alle dosi della terapia che seguiva, Isabella Linsalata "non voleva più" le tisane che le preparava il marito Giampolo Amato, l'oculista accusato di aver ucciso la moglie dalla quale si stava separando e la suocera Giulia Tateo con un cocktail di farmaci. Lo ha detto in aula la sua psicoterapeuta, Patrizia Brunori, che ha testimoniato al processo a carico di Amato, imputato per l'omicidio delle due donne davanti al Tribunale di Bologna. La psicologa ha ripercorso tutti i passaggi della terapia di Isabella Linsalata, che si era rivolta a lei nel 2018 "per affrontare una crisi coniugale che stava iniziando e che la preoccupava molto", dovuta ad una relazione del marito. La terapia è proseguita "fino alla morte di Isabella Linsalata", che aveva una seduta fissata per il giorno successivo al suo decesso. "La signora disse che aveva il sospetto che il marito, che le preparava ogni tanto delle tisane, le somministrasse di nascosto delle benzodiazepine", ha spiegato la psicoterapeuta. Una volta che il sospetto, condiviso anche con le amiche e la sorella, era diventato più concreto, dopo una serie di accertamenti svolti nel febbraio 2019, "di quelle tisane non ne voleva più".