11 MARZO 2021

15:44

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1633 visualizzazioni


11 MARZO 2021 - 15:44


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1633 visualizzazioni



ROMAGNA: Persone sorde, nasce app chiamate con interpreti Lis

In Italia, d'ora in poi, anche le persone sorde potranno effettuare delle telefonate avvalendosi in tempo reale di un interprete nella lingua dei segni. E' quanto nasce a Ravenna grazie all'iniziativa della cooperativa 'Service & Work' che presenta 'Tellis', una app gratuita per smartphone, tablet e pc: alla persona non udente basterà comporre il numero della persona desiderata e tramite videochiamata l'interprete LIS tradurrà i segni in voce e viceversa oppure tramite labiolettura per i sordi oralisti. "Gli interpreti Lis vengono selezionati tra professionisti altamente qualificati e sono messi a disposizione dalla cooperativa 'Service & Work' che da anni lavora in questo genere di servizi", spiegano Matilde Pirazzini e Celeste Pirazzini, collaboratrici della cooperativa e membri del gruppo di lavoro per il progetto Tellis, all’interno del quale è presente anche Andrea Leotardi, tecnico informatico. "Gli utenti di Tellis - spiega Marian Manea, presidente della cooperativa - possono usufruire di un video-interprete su appuntamento oppure senza appuntamento negli orari di apertura del servizio: telefonando o recandosi di persona presso sportelli di enti pubblici e privati. Per garantire una sempre maggiore realizzazione delle potenzialità di Tellis - aggiunge - stiamo valutando di creare sinergie con diverse istituzioni affinché il servizio diventi stabile e a completa disposizione in primis per i cittadini sordi - conclude il presidente - che potranno così avere pari opportunità comunicative e relazionali con le persone udenti, conducendo una vita qualitativamente migliore e indipendente".

In foto lo staff della Service & Work (da sinistra Celeste Pirazzini, Matilde Pirazzini e il presidente Marian Manea).




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

RAVENNA: Morto lo storico ex presidente Legambiente, cordoglio unanime

Sono vari i messaggi di cordoglio per la morte, avvenuta il 31 gennaio scorso, di Luigi Rambelli, ex dirigente sindacale e dirigente regionale di Legambiente. Di area Pci e Cgil, il ravennate Rambelli tra le altre cose si era battuto contro linquinamento del Po e dellAdriatico. Per anni era stato presidente regionale di Legambiente. Auspichiamo che molte nuove energie continuino a portare avanti le battaglie da lui sostenute, hanno precisato in una nota Paolo Galletti, coportavoce Verdi/Europa Verde Emilia-Romagna, e Gian Luca Baldrati, coportavoce Verdi/Europa Verde Provincia di Ravenna. Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dellassemblea legislativa dellEmilia-Romagna, in una nota ha precisato che la scomparsa di Luigi Rambelli, che conoscevo da una vita, mi addolora. Per questo desidero esprimere innanzitutto la mia sincera vicinanza ai suoi familiari. Come presidente di Legambiente Emilia-Romagna, Luigi stato un protagonista delle battaglie per la tutela dellambiente nella nostra regione, in tempi in cui la cultura ecologista stava muovendo i primi passi. Con la sua formazione di sindacalista, ha contribuito al compito di conciliare le esigenze di ambiente e lavoro. Era una persona genuina e combattiva. Ci mancher.