NOTIZIE IN PRIMO PIANO

Thumbnail BOLOGNA: ASP taglia alcuni servizi, lavoratori in protesta | VIDEO

BOLOGNA: ASP taglia alcuni servizi, lavoratori in protesta | VIDEO

ATTUALITÀ - A Bologna la Fp Cgil è scesa a fianco di 153 tra lavoratrici e lavoratori che rischiano il posto di lavoro dopo alcune scelte da parte di ASP e il taglio di alcuni servizi alla persona La Fp Cgil in protesta davanti alla sede della Prefettura dopo la scelta di ASP Città di Bologna di cambiare le modalità operative dei servizi di Grave Emarginazione Adulta e Disagio Abitativo. Fino ad oggi questi servizi sono stati gestiti dalla cooperazione sociale ma da luglio è stato scelto di superare la gara di appalto a favore di un meccanismo che progetta i servizi con le cooperative, escludendo così il sindacato e mettendo a rischio la tutela di lavoratrici e lavoratori. Nonostante un incontro chiesto dal sindacato con le parti coinvolte, la situazione non cambia, con le lavoratrici e lavoratori preoccupati per il loro futuro.

RAVENNA: Alluvione, 30 milioni per la rete viaria e sicurezza del territorio | VIDEO

Ripristinare i collegamenti viari mettendo il territorio in sicurezza. Con questo obiettivo la provincia di Ravenna si sta muovendo per far avanzare i lavori già avviati e far partire i nuovi progetti della ricostruzione post alluvione

FORLÌ: Cosparge di feci l'auto dell'ex, arrestata 70enne

Una donna di 70 anni è stata arrestata dai carabinieri di Forlì nella notte scorsa, colta in flagrante mentre imbrattava l’auto dell’ex fidanzato coetaneo con le proprie deiezioni. L'uomo era diventato bersaglio di queste particolari 'attenzioni' fin dal marzo scorso, dopo la fine della relazione sentimentale conclusasi a gennaio per volontà di lui. La donna, non rassegnata alla rottura, aveva scelto un modo del tutto singolare e sgradevole per vendicarsi, cospargendo il veicolo dell’ex fidanzato di feci in almeno sei occasioni diverse. Sebbene non avesse prove concrete, la vittima aveva subito nutrito sospetti sulla ex partner e aveva formalizzato una denuncia ai carabinieri della stazione del Ronco, indicando la donna come probabile responsabile. Gli atti persecutori avevano indotto nell'uomo uno stato di ansia e paura così grave da costringerlo a modificare le proprie abitudini di vita, come evitare di uscire durante le ore notturne. A seguito di una serie di appostamenti mirati, i militari sono riusciti a sorprendere la donna in flagranza di reato, mentre era ancora in possesso di un bicchiere di plastica contenente le proprie deiezioni. La donna ha ammesso il gesto. L'arresto è stato convalidato e alla 70enne è stato applicato il braccialetto elettronico, con il divieto di avvicinarsi alla vittima entro un raggio di 500 metri.

ultimi video