EMILIA-ROMAGNA: Covid, torna l’accesso libero negli ospedali

ATTUALITÀ - Si torna alla normalit per le visite negli ospedali e nelle strutture assistenziali dellEmilia-Romagna: laccesso per i visitatori torna libero, ovviamente nel rispetto delle modalit organizzative e degli orari di visita, comera prima dellemergenza Covid. Abrogato lobbligo del Green pass, rimane per quello, previsto dal ministero della Salute di indossare la mascherina per chiunque entri: personale, visitatori, accompagnatori, caregiver, fornitori, tecnici e volontari. Si invita a favorire laccesso delle persone ai reparti di maternit per consentire di accudire il neonato e viene anche raccomandato di igienizzare accuratamente le mani. Il documento, condiviso dalla direzione generale dellassessorato alla sanit con aziende locali e sindacati, affronta anche il tema delle modalit di screening, degli isolamenti e dellorganizzazione dei reparti Covid. Il tampone resta obbligatorio per i pazienti che entrano in ospedale, mentre al pronto soccorso sar fatto solo se ci sono sintomi respiratori. Non pi necessario lo screening previsto ogni 30 giorni per gli operatori sanitari, a meno che siano sintomatici. Per i pazienti che possono essere dimessi previsto un isolamento di 5 giorni dal primo test positivo o dalla comparsa dei sintomi, per quelli non destinati alle dimissioni ci sar un isolamento di 10 giorni. Rimangono attivi alcuni reparti dedicati esclusivamente ai pazienti Covid nel caso in cui la sintomatologia prevalente riguardi lapparato respiratorio, mentre in tutti gli altri casi i pazienti positivi saranno ospitati nei reparti pi adatti alle loro necessit, seppure in isolamento. Siamo entrati in una fase - dice lassessore alla sanit Raffaele Donini - in cui grazie agli enormi sforzi fatti per la vaccinazione e la prevenzione possiamo riconquistare la normalit delle relazioni. Anche se la fase critica alle spalle occorre mantenere alta lattenzione soprattutto per proteggere i pi fragili.

Thumbnail EMILIA-ROMAGNA: Covid, torna l’accesso libero negli ospedali

NOTIZIE IN PRIMO PIANO

Thumbnail RIMINI: Turismo, controlli sugli hotel, “Pronti a ridurre le stelle” | VIDEO

RIMINI: Turismo, controlli sugli hotel, “Pronti a ridurre le stelle” | VIDEO

ATTUALITÀ - I dati Istat certificano il progressivo recupero dei flussi turistici in Romagna dopo la pandemia. A Rimini il Comune ha disposto controlli serrati nelle strutture alberghiere per verificare la coerenza con le stelle assegnate, al fine di incrementare la qualità dell’offerta.

FORLÌ: Carradori conferma il taglio dell’automedica di Meldola, “Manca il personale” | VIDEO

Il direttore di Ausl Romagna Tiziano Carradori intervenuto al consiglio provinciale di Forl-Cesena per dare una spiegazione su una scelta molto discussa fatta dallazienda sanitaria: quella di sospendere il servizio di automedica a Meldola. Sentiamo le sue motivazioni. Lautomedica di Meldola non stata soppressa per mancanza di investimenti, ma per mancanza di personale Cos il direttore di Ausl Romagna Tiziano Carradori, che luned intervenuto al consiglio provinciale di Forl-Cesena per rispondere a due ordini del giorni, presentati sia dalla maggioranza che dalla opposizione, che chiedevano il ripristino della Mike 42. La spiegazione, dice Carradori che rivendica la scelta, semplice: mancano i medici al pronto soccorso. Io ho 145 medici nei nostri pronto soccorso, ne mancano attualmente 45 e da qui ai prossimi mesi se ne andranno altri 6 Il sistema degli interventi stato quindi cambiato in modo da garantire un intervento rapido, ha spiegato Carradori, nella vallata ora interviene in prima battuta lelisoccorso. Il direttore di Ausl Romagna ha poi difeso il sistema di soccorso della sua azienda, che ha i numeri tra i migliori in Italia: Abbiamo tempi di intervento nei codici rossi inferiori ai 15 minuti, meglio dei 18 minuti previsti dalla media. Pensate che questi risultati li abbiamo ottenuti grazie alle 11,5 auto mediche? Una risposta che non ha convinto lopposizione. In aula, oltre ai consiglieri provinciali, anche il deputato della Lega Jacopo Morrone e Massimiliano Pompignoli, che aveva portato il caso in Regione. Noi saremo disponibili a fare un tavolo di concertazione con lAusl dove andremo e chiederemo conto della situazione attuale ha detto Pompignoli - Ad oggi per la risposta di Carradori non soddisfacente

FORLI’: Primarie PD, Cuperlo, “Non è un derby, c’è da ricostruire una comunità” | VIDEO

E arrivato alla sede della Federazione provinciale del Pd per un incontro con il comitato forlivese che sostiene Promessa democratica, nel suo giro per lItalia il candidato alla segreteria nazionale del Pd Gianni Cuperlo tornato in Romagna, in primis a Forl nel pomeriggio di luned per poi passare da Ravenna e Cesena. Nel fine settimana si aperto il congresso nei circoli ed arrivano i primi dati di come sta andando la corsa alla leadeship dem, con un sostanziale testa a testa tra Bonaccini e Schlein. Non un derby, non siamo in una partita di calcio, non c una squadra che vince e unaltra che perde. C da ricostruire una comunit, una classe dirigente, un pluralismo di culture e di sensibilit. Noi stiamo dando un contributo in questo senso, ha dichiarato Gianni Cuperlo.

ultimi video